fbpx

Santo Stefano Quisquina (AG): sindaco nega commemorazione vittime foibe, Ioppolo lo accusa di faziosità

Gino-Ioppolo2Nel piccolo comune di Santo Stefano di Quisquina, il sindaco si è rifiutato di svolgere la commemorazione delle vittime delle foibe, termine con cui si indica il massacro di moltissimi italiani avvenuto durante la Seconda Guerra Mondiale i cui corpi venivano gettati in delle profonde gole naturali, le foibe appunto, per mano dei nemici jugoslavi.

A detta del sindaco, il rifiuto nasce dalla mancanza di una comunicazione ufficiale da parte della Prefettura di Agrigento per lo svolgimento della commmemorazione.

Il deputato regionale Gino Ioppolo alza la voce su quest’episodio:

” (…)Tale decisione appare ispirata ad una volontà faziosa, negatrice della verità storica e offensiva della memoria dei tanti Italiani la cui vita venne sacrificata per essersi opposti alle truppe comuniste di Tito.  Questo Sindaco ha denotato una personalità inadeguata a reggere le sorti di una comunità cittadina”.

“Ho presentato un’Interrogazione, assieme ai colleghi del Gruppo “Lista Musumeci”– conclude Ioppolo – affinchè il Presidente Crocetta verifichi immediatamente la gravità del comportamento del Sindaco che ha disapplicato una precisa legge dello Stato, istitutiva del “Giorno del Ricordo” e adotti nei suoi confronti censure formali per l’offesa arrecata al senso delle Stato e delle Istituzioni”.