fbpx

Reggio, il 22enne morto suicida aveva lasciato una lettera. Domani i funerali, il padre è ancora in coma

DSC_0167

Si terranno domani alle ore 15:00 presso la Chiesa di Condera i funerali di Bruno Mazzitelli, il giovane 22enne suicidatosi ieri mattina lanciandosi dal ponte dell’A3 a Pentimele: non sarà presente il padre, che ha provato a suicidarsi ingerendo pillole con alcol e tagliandosi le vene dopo aver visto il cadavere del figlio. L’uomo, che viveva da solo con Bruno dopo il divorzio con la moglie, non ha retto al dolore per il suicidio del 22enne e si trova da più di 24 ore in coma nel reparto di rianimazione degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria.
Intanto i Carabinieri hanno fatto chiarezza sul movente del folle gesto che, come si era già intuito da subito, è legato ai problemi sentimentali del giovane: Bruno, infatti, ha lasciato una lettera in cui spiegava di volersi uccidere per la fine della storia con la fidanzata, una ragazza siciliana di 17 anni. Anche lei e la sua famiglia sono rimaste sconvolte alla notizia del suicidio di Bruno, che ha scosso tutta la città.