fbpx

Primarie Pd, Circoli Renzi Calabria: “Massimo Canale non rappresenta il nuovo”

images

Nota Stampa Circoli Renzi Pd Calabria:

Se questo è il nuovo, allora il pd calabrese è messo proprio male. Massimo Canale, il candidato di Nicola Adamo, Enza Bruno Bossio, Mario Oliverio, Alfredo D’Attorre, Nico Stumpo, Doris Lo Moro e di tutta quell’area che da un trentennio ha condizionato pesantemente la vita politica del centro-sinistra calabrese, si erge a paladino del nuovo e del cambiamento, ma non riesce a fare un passo concreto e vero che dimostri tutto ciò. Anzi, per la verità, non appena Canale è stato designato dai suddetti personaggi, ha immediatamente pagato dazio, annunciando, senza se e senza ma, la candidatura di Mario Oliverio alla presidenza della regione! Nella logica di sempre: prima il candidato e poi, forse, il progetto e il programma.

I ‘Comitati Renzi’ della Calabria, con Ernesto Magorno candidato segretario regionale, puntano ad una netta rottura con tutto quello che è stato finora: il pd di Magorno sarà un partito che rivoluzionerà la politica calabrese con scelte di fortissimo cambiamento, in netta ed inequivocabile discontinuità con il passato. E questo lo sanno tutti coloro che, vecchi e nuovi, hanno inteso sostenere Magorno: si va verso una straordinaria stagione di cambiamento. Senza se e senza ma.

Il nostro bacino sarà quello delle decine di giovani che hanno fatto la ‘Leopoldina calabrese’ di Gioia Tauro. Saranno loro i protagonisti principali, saranno le loro idee che porteremo avanti, saranno i sogni e le speranze di quelle generazioni, non del trapassato remoto, che illumineranno la strada del futuro pd calabrese.

Anche sulle scelte per le prossime elezioni regionali sfidiamo Canale: lui pesca nella preistoria, noi metteremo in campo il meglio della Calabria, guidato da chi saprà parlare la il linguaggio del futuro. E questo è un impegno che Ernesto Magorno ha annunciato sin dal primo momento.

La sfida di Renzi sarà in Calabria la sfida della svolta. E su questo parleranno i fatti. Lo diciamo sin d’ora e i nostri elettori potranno verificarlo sin dal giorno dopo il 16 febbraio: tutto il pd sarà improntato alla qualità, al profondo rinnovamento, alle idee e ai progetti per il futuro.

Il trapassato remoto lo lasciamo a Massimo Canale e quelli che lo hanno scelto e imposto.