fbpx

Messina, una persona denunciata per guida senza patente e segnalata per uso di droga

images 8Corso nottata, in Messina, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile denunciavano in stato di libertà alla competente A.G. per il reato di guida senza patente una ventenne messinese, sorpresa alle ore 03.00 in Via Bonino alla guida di un motociclo, sprovvista della necessaria patente di guida perché mai conseguita. Nel medesimo contesto predetta veniva altresì segnalata alla locale Prefettura quale assuntrice di sostanze stupefacenti, poiché corso perquisizione veicolare e personale avviata sul posto e proseguita presso il vicino Comando di Polizia Municipale con l’ausilio di loro personale femminile, veniva trovata in possesso di un involucro di carta contenente sostanza verosimilmente stupefacente tipo marijuana per grammi 0,70 occultato in un pacchetto di sigarette custodito nel vano sottosella del mezzo. La sostanza stupefacente rinvenuta sottoposta a sequestro ed opportunamente repertata, sarà trasmessa ai laboratori del RIS Carabinieri di Messina per le relative analisi qualitative e quantitative.
Ai sensi dell’art. 116 del Codice della Strada chiunque guida autoveicoli o motoveicoli senza aver conseguito la patente di guida è punito con l’ammenda da euro 2.257 a euro 9.032; la stessa sanzione si applica ai conducenti che guidano senza patente perché revocata o non rinnovata per mancanza dei requisiti previsti dal presente codice. Nell’ipotesi di reiterazione del reato nel biennio si applica altresì la pena dell’arresto fino ad un anno.
Ai sensi dell’art. 75 del DPR 309/90, chi viene trovato in possesso di sostanze stupefacenti per uso personale è sottoposto, per un periodo non inferiore a un mese e non superiore a un anno, a una o più delle seguenti sanzioni amministrative:
a) sospensione della patente di guida, del certificato di abilitazione professionale per la guida di motoveicoli e del certificato di idoneità alla guida di ciclomotori o divieto di conseguirli per un periodo fino a tre anni;
b) sospensione della licenza di porto d’armi o divieto di conseguirla;
c) sospensione del passaporto e di ogni altro documento equipollente o divieto di conseguirli;
d) sospensione del permesso di soggiorno per motivi di turismo o divieto di conseguirlo se cittadino extracomunitario.
L’interessato, inoltre, è invitato a seguire un programma terapeutico e socio-riabilitativo o altro programma educativo e informativo personalizzato in relazione alle proprie specifiche esigenze, predisposto dal servizio pubblico per le tossicodipendenze competente per territorio.