fbpx

Messina: parcheggio Villa Dante, la ditta appaltatrice cita il comune per essere pagata

palazzo zancaLa Cosedil di Santa Venerina, che ha realizzato di lavori per il parcheggio di Villa Dante, chiede ancora di essere pagata ed ha citato il Comune, presso il Tribunale di Messina, tramite l’avv. Luigi Strano.

I lavori per il parcheggio di Villa Dante erano stati completati nel novembre 2011 e la Cosedil era andata via prima che venisse effettuato il collaudo. Lo Zaera Sud è stato inaugurato ben due anni dopo, a seguito di una serie di problemi burocratici e di piccoli lavori di completamento per ottenere l’agibilità.

L’importo a base d’asta, per l’opera, era vicino ai 5 milioni e 700mila euro, ma l’appalto fu aggiudicato per meno, circa 3 milioni e 800 mila euro. Tuttavia, la ditta ritiene di dover essere ancora pagata per delle spese accessorie.

L’atto di citazione tende a “ottenere il riconoscimento di tutte le riserve iscritte dall’impresa agli atti di appalto”.  E tra le riserve, si legge che “le descritte inadempienze hanno comportato all’impresa l’ingiusta sopportazione di maggiori oneri che esulano ampiamente dall’alea che essa ha assunto in sede contrattuale in virtù della citata disciplina normativa e le cui conseguenze non potrebbero ricondursi, se non ingiustamente, alla sua sfera patrimoniale, e che sono dunque state contestate e richieste dalla Cosedil con l’apposizione delle menzionate riserve sugli atti dell’appalto, per un importo complessivo pari a 4 milioni 138mila 289,75 oltre ad interessi e rivalutazione monetaria”.

L’amministrazione comunale ha riconosciuto e pagato solo una delle riserve presentate dalla ditta e non ha alcuna intenzione di riconoscere le altre rimostranze. L’iter giuridico-amministrativo di resistere in giudizio è stato avviato conferendo l’incarico con procura rilasciata all’avv. Arturo Merlo, legale di fiducia del Comune. Per le spettanze professionali, è stata impegnata la somma di 8mila 140 euro, ad eccezione delle spese vive debitamente documentate, previste dall’art. 4 del regolamento del Collegio di Difesa.