Categoria: IL PONTE

Messina: 15 Febbraio, Notte della Cultura, ecco il ricco programma

La Notte della Cultura di Messina del prossimo 15 Febbraio sarà la “Notte di Antonello” per celebrare l’anniversario della morte del pittore che porta il nome della città dello Stretto nel mondo.

Il programma della manifestazione è molto articolato e coinvolgerà i partecipanti in una serie di eventi, concerti, letture, e conferenze che vogliono omaggiare la figura del sommo pittore e dei suoi luoghi di riferimento, con particolare riferimento all’antica via dei Monasteri, oggi via XIV Maggio, e al quartiere dei Sicofanti, sede della casa e della bottega di Antonello, in un “Itinerario Antonelliano” che ha come fulcro il Palazzo della Cultura dedicato all’artista.

Ecco in dettaglio il programma:

-alle ore 19 al foyer del Palazzo della Cultura, inaugurazione della “Notte di Antonello” con l’allestimento della Mostra didattica delle Riproduzioni delle opere di Antonello, che viene donata alla città dall’Associazione “Antonello” che ha opera a Roma da 40 anni.

La manifestazione di inaugurazione della mostra, condotta da Milena Romeo (Associazione Antonello) prevede gli interventi, tra gli altri, del sindaco Renato Accorinti, dell’assessore alla Cultura Tonino Perna, del coordinatore della sede delegata dell’Antonello Sergio Di Giacomo, dello storico Salvatore Bottari.

Seguiranno le letture antonelliane con brani di suggestivi testi letterari di Sciascia (“L’ordine delle somiglianze”), Campanile (“Gli Ignoti”), Perec (“Il condottiero”) e un omaggio a Vincenzo Consolo, con  brani letti e evocati dai due attori messinesi Luca Fiorino e da Daniele Gonciaruk, accompagnati dalle musiche classiche del “Trio Ars Vetus” composto dal maestro Antero e Joseph Arena, al violino, e Maria Assunta Munafò, al clavicembalo.

-dalle ore 17 alle 19 all’Archivio Storico Comunale e alla Biblioteca T. Cannizzaro siti al Palazzo della Cultura, Merenda a casa di Antonello, laboratorio creativo per i bambini dai 7  ai 10 anni a cura dell’Associazione Italia Nostra con voce narrante della nota attrice messinese Federica De Cola.

– dalle ore 20, Ricordando Antonello, al primo piano del Palazzo della Cultura, mostra di monografie, testimonianze fotografiche e documentarie e esposizione della copia del Testamento di Antonello.

-dalle ore 21 nella saletta del primo piano del Palacultura, conferenza di Nino Principato dedicato al “Codice Antonello” e alle sorprendenti teorie legate al rapporto tra Antonello e S. Eustochia e alla simbologia delle opere antonelliane, seguito da un dibattito.

-dalle ore 21:30 l’Itinerario Antonelliano si sviluppa al Monte di Pietà con letture antonelliane curate dall’attrice Ivana Zimbaro, musiche del duo Pitali-Tusa seguite dalla performance teatrale Il sorriso dell’Ignoto marinaio tratte da Consolo a cura di Giovanni Boncoddo e Angelo Savasta con gli attori del gruppo teatrale universitario, seguito da videoproiezioni, recital e concerti in costume.

-dalle ore 21:30 alla Chiesa delle Barette, lettura Antonelliana con Giovanni Di Giacomo, seguito concerto della Corale S. Maria delle Grazie del Maestro Giacomo Arena e concerti alla Galleria d’arte Moderna della Provincia, a Palazzo dei Leoni concerti di musica classica di vari gruppi, solisti e musicisti curati dal Conservatorio “A.Corelli”, mentre nei diversi saloni, corridoi, e spazi verranno allestite mostre documentarie a cura della Biblioteca “G.Pascoli” con esposizione di libri su Antonello, stampe d’epoca, collezioni di libri d’arte.

I Giardini di piazza Crisafulli, dove si trova la statua di Papa Giovanni Paolo I e di S.Eustochia, saranno curati dagli studenti del  Liceo “La Farina”.

–  dalle ore 22 alla Biblioteca Regionale, incontro moderato dal direttore Sergio Todesco, “Lettura Antonelliana” con il noto attore Antonio Lo Presti e conferenza storica in collaborazione con la Comunità Ellenica dello Stretto con la relazione di Carmelo Micalizzi sulle origini storiche e toponomastiche del quartiere Sicofanti.

Altri appuntamenti sparsi per la città:

–  la Chiesa del Carmine, la Basilica di S.Antonio, la Chiesa dello Spirito Santo di Piazza del Popolo con visite a cura dell’istituto Spirito Santo alle stanze di S.Annibale e al suggestivo chiostro medievale, dove si trova lo splendido dipinto della Madonna del latte o dei Miracoli, di scuola antonelliana, che secondo la storica Teresa Pugliatti è riferibile a Giovanello da Itala, insieme alla proiezione di un video sulla vita di Antonello presso il Teatro Annibale di Francia.

–  Largo Minutoli con l’inaugurazione dello spazio verde e lettura antonelliana a cura degli studenti dell’Istituto “Minutoli”.

–  la Chiesa Valdese di via Laudamo con concerti d’organo di Roberto Timpanelli e iniziative culturali.

–   il Gabinetto di Lettura con una mostra documentaria di libri, articoli e documenti legati a Antonello e alla storia dell’arte.

–  l’ area pedonale di via dei Mille che ha già predisposto nelle vetrine una serie di riproduzioni dei capolavori antonelliani a cura di Millevetrine come omaggio al grande artista.

–   l’estemporanea artistica dedicata a Antonello al Forte S. Salvatore.

– i Menù di Antonello in diversi ristoranti cittadini.

–  l’apertura di Villa Cinaciafara a Zafferia con l’esposizione della tavola di Antonio De Saliba la Madonna della Catena a cura di G.Musolino.

Ma c’è dell’altro. La “Notte di Antonello” di Messina verrà anticipata dalla manifestazione del Dies natalis promossa dall’associazione Antonello da Messina di Roma il 14 febbraio alle ore 10 alla chiesa di S.Maria Odigitria di via del Tritone, che prevede la presentazione del “Quaderno Antonelliano” dedicato alle Mostre Antonelliane, la conferenza storica di Gioacchino Barbera sugli studi ottocenteschi su Antonello, un recital del duo D’Avenia-Coen con letture antonelliane  e la premiazione di giovani talenti e ricercatori Tiziana Santoro e Donatella Bucca.

Pronti a tuffarvi in questa lunga notte?