fbpx

Gratteri nominato consulente della commissione parlamentare antimafia, “ma non lascerò Reggio”

Nicola GratteriNicola Gratteri sara’ consulente della Commissione parlamentare animafia. Ad annunciarlo e’ la presidente della Commissione, Rosy Bindi, che parla di una “un’idea maturata gia’ da tempo“. A margine della presentazione della relazione annuale della Dna, Bindi torna anche sulla mancata nomina dello stesso Gratteri a guardasigilli. “La scelta compiuta dal presidente del Consiglio – spiega – e’ basata su una prassi consolidata nella vita del Paese, che non ha mai visto un magistrato in carica essere nominato ministro“. “Che Gratteri abbia scelto di continuare a fare il procuratore e’ importante – sottolinea Bindiil suo lavoro e’ preziosissimo, ha ottenuto grandissimi risultati nella lotta alla criminalita’ organizzata. E nelle modalita’ che riterra’ opportune, potra’ comunque dare il proprio contributo all’enorme lavoro che c’e’ da fare in questo campo“.

gratteriNon intendo lasciare la Procura di Reggio Calabria, quindi ho accettato ma compatibilmente con gli impegni della procura daro’ il mio piccolo contributo“. Cosi’ il procuratore aggiunto Nicola Gratteri ha raccontato all’Agi il suo si’ a Rosy Bindi, presidente della commissione parlamentare antimafia, che oggi lo ha nominato consulente della commissione permanente. “Questo pomeriggio – ha detto Gratterimi ha chiamato il presidente Bindi, con la quale ci eravamo gia’ incontrati in altre occasioni, anche quando la commissione si era riunita a Reggio Calabria, e mi ha chiesto se mi puo’ nominare consulente. Ho detto che naturalmente non posso partecipare a tempo pieno, non intendo lasciare la Procura di Reggio Calabria, quindi compatibilmente con gli impegni daro’ il mio piccolo contributo per quel che sono le mie conoscenze e le mie possibilita’, naturalmente a titolo gratuito“.

nicola gratteriLa nomina del procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri, a consulente della commissione parlamentare Antimafia rappresenta una vera svolta per l’attivita’ della commissione stessa“. E’ quanto dichiara il deputato del Partito democratico e componente delle commissioni Antimafia e Giustizia della Camera, Ernesto Magorno, neosegretario del Pd Calabria. “Da un magistrato da anni in prima linea contro la criminalita’ organizzata come Gratteri – spiega Magorno – puo’ arrivare un contributo di fondamentale importanza per l’attivita’ parlamentare. Proprio alcune settimane fa la Commissione europea ha ricordato i numeri monstre del valore della corruzione in Italia e dei traffici illegali dovuti ai rapporti mafia politica: ben 60 miliardi di euro. La mafia continua ad essere un fenomeno criminale con ramificazioni vastissime. L’esperienza di Gratteri ci aiutera’ a mettere a fuoco ancora meglio il fenomeno, per fare in modo che il parlamento dia un contributo concreto alla messa in campo di strumenti giuridici sempre piu’ efficaci“.