fbpx

Dibattito su omosessuali ediritti civili, Massimo Canale: “ennesima scopellitata”

massimo canale 02“I diritti civili, proprio per le parole da cui è composta questa espressione, devono essere garantiti a chiunque, senza distinzione di sesso, razza, religione, credo politico o età”, risponde così Massimo Canale ad un ragazzo che durante un incontro della sua campagna congressuale gli chiede cosa ne pensa della bagarre creata da Scopelliti con la sua dichiarazione – che Canale definisce “una scopellitata” – sugli omosessuali.

 “Ritengo – continua Canale – che questa vicenda sia iniziata male e stia finendo ancora peggio. Se, infatti, la sua dichiarazione ha inizialmente offeso tutti noi per la grettezza e la leggerezza con cui ha ritenuto di poter ledere i diritti degli omosessuali, adesso offende tutti i calabresi con questo patetico siparietto con Cecchi Paone. I cittadini della nostra regione, che siano essi gay o eterosessuali, non hanno bisogno di essere rappresentanti da conduttori televisivi politicamente distanti dalla Calabria e dalle sue esigenze”.

Curiosamente, alcuni presenti ritengono che quella del Presidente della Regione Calabria sia stata solo una sguaiata strategia per tentare di accaparrarsi il voto di qualche omosessuale o di chi segue Cecchi Paone, senza “guastarsela” con i suoi intransigenti sostenitori in tema di sessualità.

Ricordiamo che quando sedeva tra i banchi dell’opposizione dell’amministrazione guidata da Scopelliti, proprio Canale presentò una proposta di regolamento comunale volta alla realizzazione di un registro delle unioni civili che tutelasse la convivenza tra persone dello stesso sesso o di sesso diverso, ma il consiglio con in testa l’allora sindaco la bocciò senza appello.