fbpx

Calabria, Gentile (Ncd) al Pd: “vi sfidiamo su concretezza. Azione congiunta su legge 12”

senatore Gentile“Comprendo che la fase congressuale del Pd non consente di poter avere un interlocutore sup terreno delle riforme ma non è con il silenzio che si possono placare le emergenze di una Regione che vive problemi seri e che vanno affrontati da tutti”. Lo afferma il senatore Antonio Gentile, coordinatore regionale del Nuovo Centrodestra.

“Il Partito democratico è insieme a noi nel Governo nazionale ma è forza di maggioranza relativa e deve essere conseguenziale. La prima sfida che voglio porre ai parlamentari del Partito democratico calabrese – dice Gentile – è quella di chiedere insieme al Governo Letta di rinunciare all’impugnativa sulla legge regionale 12 del 2013 che riguarda il comparto sanitario non dirigenziale e l’applicazione della legge 296 del 2006 che, incredibilmente,  solo in “Calabria” non è stata applicata”.
“L’11 marzo ci sarà l’udienza dinanzi alla Consulta e sarebbe doveroso chiedere all’Esecutivo di rinunciare alla impugnativa per consentire alle migliaia di precari che lavorano e sono in regola, che hanno superato una selezione di essere stabilizzati. Che faranno i parlamentari del partito democratico? – si chiede Gentile – Lotteranno insieme a noi per fare applicare la norma o cercheranno di farla affossare costringendo tanti precari a vivere nell’angoscia? Mi rivolgo ai Magorno, ai Canale, a tutti i candidati alla segreteria regionale del Pd – conclude Gentile – ed ai parlamentari: si diano da fare insieme a noi per chiedere al Governo di fare retromarcia”.