fbpx

Calabria: discarica della Battaglina, Ignazio Messina (IDV) ‘tuteliamo l’ambiente e la salute dei cittadini’

IGNAZIO MESSINAIgnazio Messina (nella foto), segretario nazionale di Italia dei Valori, interviene sulla questione della discarica della Battaglina.

Quella che viene chiamata “Isola ecologica Battaglina”, in realtà sarà una discarica dalle dimensioni gigantesche, la seconda più grande d’Europa, costruita su due falde acquifere con il rischio di avvelenare un intero territorio nei territori di Borgia, San Floro e Girifalco, tra Catanzaro e Lamezia Terme.

Molti cittadini credono che se la discarica di Battaglina sarà realizzata, la Calabria rischia di diventare la pattumiera d’Italia autorizzata dalla Regione Calabria.

Quattro giorni fa durante la mia visita alla discarica della Battaglina avevo annunciato, che avrei sollecitato il nostro Europarlamentare Giommaria Uggias a presentare un’ interrogazione urgente al Commissario all’Ambiente per chiedere di intervenire in modo da fare tutto quello che è in suo potere affinché l´autorizzazione rilasciata dalla Regione Calabria possa essere riesaminata così da fugare ogni ragionevole dubbio riguardo al rispetto della direttiva 96/61/CE e dei vincoli a cui l´area è soggetta e lo abbiamo fatto. Abbiamo infatti depositato l’interrogazione presso il Parlamento Europeo quale ulteriore strumento utile per dare risposte. Ci sembra questo un intervento prioritario rispetto a tutte le insicurezze che pendono sui luoghi interessati ed alle contrarietà degli abitanti e di molti Sindaci dell’area.”

Vogliamo assolutamente evitare che la Calabria, già martoriata dal punto di vista ambientale, ospiti in maniera indisturbata quella che sarebbe destinata ad essere la più grande discarica d’Europa.  Considerato che l’intervento previsto è posto in area soggetta a ben cinque vincoli inibitori assoluti: idrogeologico, paesaggistico ed ambientale,  usi civici, vincolo assoluto conseguente ad un incendio verificatosi nel 2007 e rischio sismico essendo zona a livello 1, ci chiediamo –conclude Messina- ai cittadini, alla loro salute ed alla salvaguardia ambientale chi ci pensa?