fbpx

Trasporti, auto o motorino per andare a scuola per 1 liceale su 3

images Lo apprendono a scuola. O meglio: lo imparano nel tragitto che da casa li porta a scuola che la mobilita’ e’ soprattutto motorizzata e quindi, appena l’eta’ diventa quella da patente, tendono a montare su uno scooter o a mettersi al volante di un’automobile. Sono questi i risultati della piu’ ampia indagine italiana sulla mobilita’ degli studenti realizzata da Legambiente ed Euromobility su un campione di 5.516 studenti di 8 citta’. Sono stati proprio i ragazzi delle superiori, con la supervisione dei tecnici delle due associazioni, a vestire i panni dei mobility manager e ad analizzare gli stili di mobilita’ dei loro coetanei nei centri urbani di Bologna, Carrara, Catania, Potenza, Ravenna, Roma, Torino, Venezia-Mestre. Capoluoghi scelti per rappresentare tutte le tipologie di percorso (scuola di quartiere raggiungibile in poco tempo come nel caso dell’istituto di Roma, scuola frequentata da studenti pendolari come nel caso di Potenza ecc.) rappresentative del nord, centro e sud del paese. La distanza media percorsa per andare da casa a scuola e’ stata pari a 9.0 km: la piu’ breve a Roma (3.6), seguita da Carrara (5.3); la piu’ elevata quella di Potenza (16.7). Secondo i dati, a 15 e 16 anni l’uso di veicoli privati a motore come conducente o come passeggero si attesta al 30% circa. Lo 0,9% dei 15enni guida il motorino e la percentuale cresce al 3,5% tra i 16enni. Al crescere dell’eta’ aumenta l’uso di scooter e macchine fino a raggiungere la percentuale di quasi il 40% a 19 anni e di addirittura il 50% circa a 20 anni.