fbpx

Reggio, hanno tentato di uccidere 2 commercianti: il movente è un debito non saldato

poliziaUn debito non onorato successivo all’acquisto di una moto: sarebbe questo il movente del tentato omicidio compiuto il 10 marzo 2012 ai danni dei commercianti reggini Filippo Nocera e Francesco Barreca, per il quale la squadra mobile di Reggio Calabria ha arrestato oggi Antonino Pricoco, di 40 anni, e Gioele Carmelo Mangiola, di 29. Le indagini, portate avanti dalla squadra mobile senza la collaborazione delle vittime, hanno permesso di accertare che il fratello di Nocera, Giuseppe, non aveva pagato alcune migliaia di euro che doveva a Pricoco per l’acquisto di una moto. A causa di cio’, secondo la ricostruzione dell’accusa, nel pomeriggio del 9 marzo, Pricoco e Mangiola aggredirono a pugni e calci Giuseppe Nocera procurandogli lesioni giudicate guaribili in 30 giorni. Il giorno successivo, i familiari di Nocera, in risposta all’aggressione, si recarono a casa di Pricoco inveendo minacciosamente alla presenza di alcune donne. Poche ore dopo, verso le 20,30, Pricoco e Mangiola, a bordo di uno scooter, si recarono al negozio “Global Frutta” gestito da Filippo Nocera e Francesco Barreca sparandogli contro undici colpi di pistola calibro 9×21. I due commercianti, tuttavia, rimasero illesi per il cattivo funzionamento delle due pistole utilizzate che si incepparono piu’ volte permettendo ai due la fuga.