Gabriel Garko a Reggio per il progetto nelle scuole “Cinema Lab”

gabriel-garko-al-tg5-638x425Si fa sempre più assidua la presenza dell’attore Gabriel Garko a Reggio. Dopo essersi presentato alla Conferenza Stampa di presentazione del progetto “Cinema Lab”, avvenuta lo scorso 18 gennaio presso il Liceo scientifico Leonardo Da Vinci, Garko più volte è stato visto in svariati luoghi reggini. Si presuppone che l’attore farà visita alla nostra città ogni giovedì fino al mese di luglio per dare il suo contributo al progetto.

“Cinema Lab” è stato patrocinato dalla Provincia di Reggio Calabria e dalla Regione Calabria, e Garko ed altri famosi attori hanno subito aderito all’idea. Attraverso una serie di incontri di formazione, perfezionamento e aggiornamento i ragazzi potranno affrontare un iter didattico che coinvolgerà registi, scrittori ed altri professionisti specifici che, ognuno secondo la propria esperienza, insegnerà ai liceali come muoversi nel mondo del cinema.

Alla Conferenza Stampa di sabato 18 erano presenti anche il dirigente scolastico della scuola promotrice del progetto, Giuseppina Princi, il vice presidente della Provincia Giovanni Verduci, Edoardo Lamberti- Castronuovo, Assessore alla cultura e Legalità e Tilde Minasi, Consigliere regionale.

5fe36ce3-374a-4c1a-8c6a-31017979c1dfSiamo davvero contenti  di presentare e promuovere quest’iniziativa – ha affermato il vice presidente Giovanni Verduci – Il Liceo Scientifico ‘L.Da Vinci’ rappresenta il fiore all’occhiello delle strutture scolastiche dell’intera provincia e gli studenti meritano di essere coinvolti in progetti importanti come ‘Cinema Lab’. È fondamentale promuovere l’immagine della provincia di Reggio Calabria per i suoi aspetti positivi“.

Come rappresentanti del cinema italiano, oltre a Garko, nella scuola reggina c’erano Gianni Diotajuti (maestro di dizione e recitazione), Luigi Parisi (regista), Luigi Boccia (regista/sceneggiatore/scrittore), Valerio Morigi (attore), Sara Cimadamore (attrice), Victoria Larchenko (attrice), Simone Lijoi (attore) e Glenda La Rocca (pittrice/truccatrice).

Nel corso del tempo, a questi nomi si uniranno al progetto personaggi del calibro di Asia Argento (attrice), Serena Autieri (attrice), Gabriele Salvatores (regista) ed Erri De Luca (regista). Tutti parteciperanno in veste di docenti e in maniera del tutto gratuita al percorso didattico articolato in 56 ore di lezioni, con una parte teorica e una parte pratica, in cui i ragazzi apprenderanno come utilizzare le varie tecniche cinematografiche (ripresa, recitazione e scrittura). Questo percorso si concluderà con la realizzazione, da parte dei giovani, di diversi cortometraggi, di cui verrà premiato il migliore.

“Cinema Lab” si suddivide in tre fasi:

1)    GENNAIO 2014: Seminario di un giorno durante il quale gli addetti al settore (registi, attori, sceneggiatori, ecc.) presenteranno agli alunni coinvolti il percorso formativo.

2)    GENNAIO/GIUGNO 2014: Corso extracurriculare di 56 ore che si terrà presso l’istituto con docenti esperti, coadiuvati dai docenti dell’istituto e da altre figure professionali presenti sul territorio.
3)    LUGLIO 2014: Gran Galà in cui verranno presentati i cortometraggi e verrà premiata l’opera migliore, alla presenza di professionisti del mondo del cinema e della televisivo.

 Ecco di seguito il programma didattico:

1)  CORSO GENERALE (Gennaio/Marzo) nel quale si affrontano tutte le tematiche e gli aspetti legati alla realizzazione di un film:

– Regia (I): produzione, fotografia, riprese, post-produzione ed effetti visivi.

– Recitazione (I): recitazione e doppiaggio.

– Scrittura (I): il soggetto, la scaletta, la sceneggiatura.

– Scenografia: dalla preparazione al set.

– Make up, hair style, Effetti di trucco.

– La fotografia cinematografica e digitale.

– La musica e la colonna cinematografica e digitale.

2) CORSO AVANZATO (Marzo/Maggio), per un percorso di studio più specifico legato a tre aree fondamentali: A) Regia (II); B) Recitazione (II); C) Scrittura (II).

3) LABORATORI DIDATTICI (Maggio/Giugno), gli alunni saranno impegnati a rileggere i percorsi di ricerca e ad approfondire le tematiche per la realizzazione dei cortometraggi.