Sicilia, Ioppolo e Musumeci contro la soppressione del Parco Archeologico della Ceramica del Calatino

Nello MusumeciI deputati regionali Gino Ioppolo e Nello Musumeci hanno presentato un’interpellanza al Presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta e all’assessore regionale ai Beni Culturali e Ambientali Maria Rita Sgarlata contro la soppressione, fra i tre della provincia di Catania, del Parco Archeologico della Ceramica del Calatino.

La Regione Siciliana, all’art. 20 della Legge regionale n. 20 del 3 novembre 2000, istituisce “un sistema di parchi archeologici per la salvaguardia, la conservazione e la difesa del patrimonio archeologico regionale e per consentire migliori condizioni di fruibilità a scopi scientifici, sociali, economici e turistici dello stesso” e con un Decreto del Presidente della Regione n. 370 del 28 giugno 2010 venivano individuate 26 aree archeologiche da istituire a Parco Archeologico, tra cui il Parco Archeologico della Ceramica del Calatino. Poiché il decreto assessoriale n. 1142 del 29 aprile 2013, sopprime tra gli altri anche il Parco archeologico della Ceramica del Calatino, il cui iter per l’approvazione della perimetrazione e delle norme regolamentari era già in fase avanzata, gli onorevoli Ioppolo e Musumeci ritenendolo “penalizzante per i territori e gli abitanti residenti nelle aree i cui parchi sono stati soppressi, in quanto li priva della possibilità di dotarsi di uno strumento organizzativo e normativo a tutela e salvaguardia del patrimonio archeologico tale da potere consentire migliori condizioni di fruibilità a scopi scientifici, sociali, economici e turistici” chiedono di “ripristinare la vigenza del precedente Sistema dei parchi archeologici al fine di non penalizzare ulteriormente i territori e gli abitanti delle aree dei parchi soppressi”.