Regione Calabria, il presidente Talarico sull’approvazione del Bilancio

Calabria“Con l’approvazione del Bilancio della Regione, l’Assemblea legislativa chiude il 2013 portando a compimento un impegno più che doveroso, ma soprattutto finalizzato a corrispondere, nel migliore dei modi possibili, alle esigenze ed ai bisogni della Calabria e dei calabresi, ad incominciare dalla straordinaria risposta data al mondo del precariato che ci ha visti fortemente impegnati con esiti assolutamente positivi sia nel dialogo col Governo che nel ribadire su tutti i fronti l’urgenza di stabilizzare lavoratori il cui apporto per lo sviluppo della Calabria consideriamo indispensabile e prezioso”.
E’ il commento del presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico, che aggiunge: “Ci si rende conto, come opportunamente è stato più volte segnalato ieri in Aula, che la manovra finanziaria, per niente facile anzi complessa e aggravata ulteriormente dalla riduzione dei trasferimenti nazionali, deve misurarsi con le decine di emergenze sociali di una regione che subisce la crisi economica pagando costi altissimi in termini di sacrifici da parte delle famiglie e dei ceti sociali meno abbienti. Tuttavia, l’Assemblea legislativa regionale ha operato uno sforzo di sintesi, tra disponibilità economiche e interventi legislativi, che costituisce il segno di un’assunzione di responsabilità da parte della politica che va senza’altro apprezzata. I tempi sono mutati, le risorse pubbliche diminuite e la crisi morde colpendo in particolar modo le famiglie calabresi. L’impegno della politica – spiega il presidente Talarico – va pertanto sempre più nella direzione di ottimizzare la spesa pubblica a nostra disposizione, per renderla produttiva al massimo e indirizzarla verso quelle aree della società che ne hanno più bisogno, favorendo il rilancio dello sviluppo economico e sociale. Ottimizzazione della spesa pubblica e, nel contempo, riduzione di sprechi e inefficienze, seguitando lungo il tracciato che ha contraddistinto l’attuale legislatura regionale fin dal suo inizio con la serie di provvedimenti che hanno operato inediti tagli ai costi della politica. In tal senso, esprimo una soddisfazione particolare per l’elezione dei membri dei tre membri del Collegio dei Revisori dei Conti della Giunta regionale e del Consiglio a cui auguro buon lavoro. L’elezione del Collegio dei Revisori adempie ad un impegno assunto con la Corte dei Conti e rappresenta di per sé il suggello di una serie di altri qualificanti provvedimenti di razionalizzazione delle risorse in sintonia con la domanda di moralizzazione che viene dalla società civile”.