Reggio, AISLA: nel weekend a Chorio di San Lorenzo la 5^ edizione del Memorial calcistico “Vincenzo Infortuna”

AISLALa sezione di Reggio Calabria di AISLA, l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, saluta il 2013 con due iniziative di raccolta fondi che uniscono sport e buona cucina.

Domenica 29 dicembre l’Associazione Amatori Calcio Chorio e gli “Amici di Cecio” organizzano infatti allo stadio comunale “Av. P. Catanoso” di Chorio di San Lorenzo (Rc) la quinta edizione del Memorial calcistico “Vincenzo Infortuna”, con la partecipazione dei “muso puniti”, “amatori calcio chorio” e  “associazione arbitri Reggio Calabria”. Il calcio d’inizio è previsto per le 8.30.

Al Memorial, che è dedicato al ricordo di Vincenzo Infortuna, padre di Manuela Infortuna consigliera della sezione AISLA di Reggio Calabria, sarà presente il Vicepresidente nazionale di AISLA Vincenzo Soverino.

Nell’occasione saranno raccolti fondi per le attività che la sezione AISLA di Reggio Calabria svolge sul territorio a sostegno dei malati.

Sempre il 29 dicembre, alle 13.00, la sezione reggina dell’AISLA organizza all’Agriturismo “Porta del Parco di Bagaladi” il primo pranzo augurale “Buon Anno con AISLA”. Il costo è di 25€ a persona ed è necessaria la prenotazione. Parte del ricavato del pranzo sarà donato dall’agriturismo ad AISLA.

Domenica 29 dicembre

Ore 8.30-13.00

Memorial calcistico “Vincenzo Infortuna”

Stadio comunale “Av. P. Catanoso” di Chorio di San Lorenzo

Ore 13.00

Pranzo augurale, “Buon Anno con AISLA”

Agriturismo “Porta del Parco di Bagaladi”

Via torrente zerbo bagaladi

Prenotazione obbligatoria

Per informazioni: www.aislarc.it

AISLA Onlus nasce nel 1983 con l’obiettivo di diventare il soggetto nazionale di riferimento per la tutela, l’assistenza e la cura dei malati di SLA, favorendo l’informazione, la ricerca e la formazione sulla malattia e stimolando le strutture competenti a una presa in carico adeguata e qualificata dei malati. L’Associazione attualmente conta 60 rappresentanze territoriali in 19 regioni italiane e circa 1636 soci grazie al lavoro di oltre 200 volontari e di 8 collaboratori.