fbpx

Reggina, ripartire da Brescia [VIDEO-highlights]: tre indizi fanno una prova, con Atzori sarà salvezza

Reggina_EsultanzaRipartire da Brescia si può, anzi, si deve. A prescindere dal risultato, la Reggina è finalmente tornata a brillare come gioco mostrato sul campo, cosa che era mancata proprio dall’esonero di Atzori. L’infelice parentesi di Castori (4 sconfitte, un pareggio e una sola vittoria in 6 partite, di cui 4 disputate tra le mura amiche) è ormai alle spalle e la Reggina è tornata quella d’inizio stagione, ancora imperfetta perchè troppo imprecisa in fase di realizzazione, sempre macchiata da qualche errore difensivo, ma comunque brillante, sfrontata, pronta a giocare a calcio in qualsiasi campo e contro qualsiasi avversario.
Brescia_RegginaL’esonero di Atzori era stato un errore clamoroso da parte della società, come abbiamo ormai ripetuto mille e più volte. Ma c’è sempre tempo per rimediare e la scelta di riportarlo in panchina si rivelerà senza ombra di dubbio quella vincente, consentendo alla squadra di raggiungere quella salvezza che oggi, guardando la classifica, sembra un’impresa disperata. E se 3 indizi fanno una prova, della partita di ieri vanno segnalate le ottime prestazioni di 3 nuovi acquisti del mercato estivo che prima del match di Brescia avevano sempre giocato male, al di sotto delle aspettative: Sbaffo, il migliore in campo e anche autore del gol, Rigoni, autore di un ottimo secondo tempo, e Strasser, “inventato” da Atzori centrale di difesa. Molto bene anche il nazionale Under 21 Di Lorenzo, prodotto del Sant’Agata, ma questa non è una novità. La Reggina c’è, ieri l’ha dimostrato, come sempre era accaduto con Atzori in panchina. Senza l’infelice parentesi Castori, oggi la squadra sarebbe ancora più cresciuta, convinta delle proprie potenzialità, e probabilmente anche con qualche punto in più in classifica. Ma siamo solo alla 17^ giornata e, anche in questo, tempo per rimediare ce n’è, a maggior ragione in serie B. A partire da venerdì sera al Granillo contro l’ambizioso Siena che senza i 5 punti di penalizzazione si troverebbe in zona playoff. Sarà un’altra battaglia, ma con Atzori in panchina abbiamo già la certezza che gli amaranto se la giocheranno a viso aperto alla ricerca della vittoria.