Messina, Accorinti e Le Donne sul caso Ruggeri: “è cittadino non colpevole, giusto reinserirlo in organico”

Comune di Messina Palazzo ZancaIl sindaco di Messina, Renato Accorinti, insieme al segretario generale, Antonio Le Donne, al capo di gabinetto, Silvana Mondello, ed al dirigente dell’ufficio di gabinetto, Giovanni Bruno, a margine dell’incontro con la stampa per la presentazione di “Capodanno Made in Messina”, è intervenuto in merito alla determina dirigenziale relativa al reintegro al lavoro di Antonio Ruggeri, già capo di gabinetto dell’amministrazione Buzzanca, evidenziando che “Ci sembra giusto ed opportuno fare chiarezza in maniera preventiva; il nostro percorso amministrativo si ispira sempre ai principi di legalità e trasparenza in ogni provvedimento ed in qualsiasi decisione assunta; è così su tutto ed anche sulla questione che riguarda il dipendente Ruggeri. Posso comunque anticiparvi che non farà parte dell’ufficio di gabinetto, perché i miei collaboratori li scelgo personalmente“.

Il segretario generale, Antonio Le Donne, ha aggiunto che “E’ in atto, come abbiamo comunicato nella conferenza stampa in occasione degli auguri natalizi, la riorganizzazione degli uffici e dei servizi, che sarà operativa dal 2 gennaio ed in quella data si saprà dove il dipendente Ruggeri svolgerà il proprio ruolo lavorativo. Sarà collocato in uno dei 22 dipartimenti; considerato che da gennaio 2012 ha percepito il 50 per cento degli emolumenti senza lavorare e che la sua condizione attuale è di cittadino non colpevole, si è ritenuto opportuno reinserirlo in organico“.