Meda Calabria: “Sotto l’albero di natale le tasse del “dissesto””

imagesOra siamo noi a parlare , afferma il segretario politico del M.E.D.A. Calabria Delfino Loredana.
Come si può scrivere in un giornale che le tasse , come la Tares e suoi aumenti
fantasiosi non sono il frutto della vecchia gestione politica , come affermano i senatori : Giovanni Bilardi ed Antonio Caridi? . Ricordiamo che una quota della Tares appartiene ai comuni ed il nostro e’ in “dissesto” , chi sa come mai!. La richiesta esosa della Tares è evidente essere un importo elevato non finalizzato al servizio reso ma, bensi, utile ha rimpinguare le casse vuote del comune. Abbiamo aderito alla manifestazione del movimento 5 stelle ed anche noi affermiamo che la tassa cosi come e’ non va pagata. Alcuni hanno previsto la durata di 10 anni per rientro del bilancio del comune di Reggio. Come può il cittadino pagare questi aumenti di tasse se ha anche a rischio il suo posto di lavoro . Un esempio attuale gli operai dell’o.me.ca. e quelli dell’atam , centinaia di famiglie in grosse difficoltà economiche.
Lo stupore più grande è verso le autorità che potevano benissimo aiutare il cittadino. Oltre la manifestazione è giustissimo fare la proposta per come affermano i senatori oggi. La nostra è confiscare i beni ai politici una volta affermata la responsabilità .Caro senatore le va bene questa proposta? E’ giusto confiscare i beni alla ndrangheta , ma a questo punto perché non farlo anche con la politica e toglierci da questo inferno che stiamo vivendo? .Concludiamo con questo interrogativo il nostro intervento, nella speranza che l’attuale classe politica che governa la nostra Regione, si ravveda sulla gestione della cosa pubblica ed in particolare del settore della sanità, dove servono meno tagli di nastri demagogici e più risposte concrete.