La sfida di CalabriaInnova: 14 milioni per una regione più competitiva e più ospitale per le startup innovative

imagesImprenditori, ricercatori, startupper, consulenti delle imprese, esperti. In tantissimi hanno partecipato al primo tour di presentazione degli avvisi di CalabriaInnova, che si è concluso ieri a Crotone presso la sede di Confindustria.

Gli incontri si sono svolti su tutto il territorio calabrese, nelle diverse sedi dei partner della Rete Regionale dell’Innovazione: le tre Università e le cinque sedi provinciali di Confindustria.

Grande interesse, non solo per l’importanza del finanziamento stanziato, pari a 14 milioni di euro, ma anche per le modalità innovative di presentazione. Con il tour di incontri, infatti, si è voluto raggiungere il numero più ampio possibile di beneficiari, con l’obiettivo di fare della Calabria una regione più competitiva e più ospitale per le startup innovative.

Con questi tre incentivi la Regione Calabria insieme a CalabriaInnova, intende scommettere sul futuro della nostra regione. Attiva l’Innovazione è rivolto alle imprese esistenti e finanzia piani di innovazione di prodotto e di processo (7 milioni di euro per circa 150 progetti). Gli altri due avvisi, invece, sono dedicati alle nuove imprese, Talent Lab –startup e Talent Lab – spin-off, e sono articolati in due fasi: la prima è un percorso di accelerazione e formazione sui temi della gestione e del fare impresa, la seconda prevede una selezione di quanti hanno partecipato alla prima fase e la concessione degli incentivi veri e propri (80% a fondo perduto) per l’avvio dell’azienda. Saranno finanziate 30 spin-off della ricerca e 90 microimprese innovative per un valore complessivo pari a 7 milioni di euro.

La sfida è quella di recuperare il divario che ci separa dalle Regioni d’Europa più competitive: “L’Innovation Scoreboard 2013, lo screening annuale che misura il tasso d’innovazione dei Paesi dell’UE, colloca l’Italia in 16a posizione, molto lontana dai leader dell’innovazione: Svezia, Germania, Danimarca e Finlandia. Mentre alcune regioni del Sud e isole hanno registrato un miglioramento negli ultimi anni, solo il Molise e la Calabria sono rimasti nello stato di “modest innovators”. La Calabria è quindi tra le ultime regioni europee in termini di innovazione e competitività. – ha dichiarato l’assessore regionale alla cultura e ricerca Mario Caligiuri, durante l’incontro a Confindustria Cosenza, e poi ha concluso – Eppure molti segnali indicano che si è aperta una stagione nuova, ci sono fermenti di innovazione ben visibili. Fra i giovani startupper e fra gli imprenditori che sempre di più puntano sull’innovazione”.