Cosenza: traffico di cani per incroci pericolosi smantellato dal Corpo Forestale

cane-randagioIncroci pericolosi, lupi selvatici (Canis lupus SPP) rinsanguati con cani appartenenti alla razza canina Lupo Cecoslovacco (C(eskoslovensky’ vlc(iak). Questo il risultato dell’operazione condotta in diverse regioni italiane dal personale del Corpo forestale dello Stato del Servizio Cites Centrale di Roma. Anche la citta’ di Cosenza e’ stata interessata alle perquisizioni ed ai controlli in merito. 37 gli esemplari sequestrati di cane lupo cecoslovacco ibrido di prima generazione in tutto il territorio nazionale , 5 a Cosenza di cui 3 giovani esemplari di nove mesi provenienti da Ohio e Nevada ad un privato che era in contatto con allevamenti del Nord-Italia. A Cosenza ha operato il Nipaf, Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale ed i Comandi Stazione di Rende e Cupone. In seguito a questa operazione il personale della Forestale ha deferito all’Autorita’ Giudiziaria a livello nazionale otto allevatori di cani lupo cecoslovacco per falso in atto pubblico, detenzione di specie protetta, violazione delle normative CITES (Convenzione di Washington che tutela le specie di flora e fauna in via d’estinzione) e violazione della legge sulla caccia. L’operazione nasce da un esposto anonimo inviato a diverse istituzioni competenti. In Italia attualmente esistono oltre 120 allevamenti di cani appartenenti alla razza lupo cecoslovacco, un cane di taglia medio-grande appartenente al gruppo dei pastori e bovari. Il cane lupo cecoslovacco ha la tempra, la mentalita’ e l’addestrabilita’ di un pastore tedesco e la forza, le caratteristiche fisiche e la resistenza di un lupo. Le indagini condotte dalla Forestale hanno evidenziato che alcuni allevatori avrebbero fatto accoppiare in maniera fraudolenta esemplari di lupo cecoslovacco con lupe selvatiche provenienti dai Carpazi (Lupo europeo), dal Nord America (Lupo del Mackenzie) e in alcuni casi con lupi appenninici per migliorare le caratteristiche genetiche e morfologiche della razza. In Italia, non solo e’ proibito l’accoppiamento di animali domestici con quelli selvatici, ma e’ anche vietato detenere lupi fino alla quarta generazione, in assenza delle prescritte autorizzazioni, poiche’ considerati specie protetta dalla Convenzione Cites (Appendice I) e perche’ ritenuti animali pericolosi per la salute e la pubblica incolumita’.