Cosenza, Mazzuca: “Sbloccare lavori centrale del Mercure”

images”Mentre il sistema economico e gli esponenti politici piu’ attenti sono impegnati nella ricerca di possibili iniziative tese ad uscire dalla crisi invertendo la perdurante tendenza negativa e ridando respiro all’occupazione, una burocrazia ottusa ed una classe politica insensibile che preferisce non affrontare i problemi rifugiandosi dietro cavilli sempre piu’ speciosi, sembrano impegnate a vanificare gli effetti di investimenti cospicui, tanto sotto forma di economia diretta ed indotta quanto in termini di significativa occupazione”. E’ quanto sostiene in maniera preoccupata il Presidente di Confindustria Cosenza Natale Mazzuca, commentando quanto sta accadendo attorno alla centrale Enel del Mercure. ”Non e’ giustificabile – aggiunge il Presidente Mazzuca – che un progetto presentato nel 2001 e giunto alla fine dell’iter autorizzativo nel novembre del 2012, dopo essere stato sottoposto ad una serie interminabile e non sempre pertinente di controlli, non riesca a trovare compimento”. L’annosa vicenda, infatti, che sembrava finalmente conclusa con il decreto rilasciato dalla Regione Calabria, e’ ancora sospesa tra i meandri meno lineari della burocrazia. ”Per cogliere il senso dei comportamenti abnormi, dilatori e ostruzionistici – dice Mazzuca – messi in atto, bastera’ fare riferimento alle conferenze di servizi cui sono state ammesse associazioni ed istituzioni che non ne avevano titolo, al procedimento curato dalla Provincia di Cosenza per due anni e mezzo e risultato inutile, in quanto incompetente come istituzione, fino al comportamento del Parco del Pollino che dopo aver emesso quattro pareri favorevoli in quattro diversi procedimenti, ha successivamente revocato il proprio assenso al progetto per ragioni non afferenti gli aspetti tecnici. Il numero e la valenza tecnica e scientifica delle valutazioni cui il progetto e’ stato positivamente sottoposto in un arco temporale di oltre un decennio sono la giusta testimonianza di fattibilita’, sicurezza e sostenibilita’ di un’opera che ha impegnato investimenti notevoli e che e’ pronta a sostenere l’occupazione ed il sistema economico delle comunita’ interessate”. ”In questo contesto – conclude il Presidente di Confindustria Cosenza Natale Mazzuca – e’ difficile poter accettare che un cavillo burocratico possa impedire l’avvio operativo e la messa in produzione della centrale. E’ per tanto che come imprenditori impegnati quotidianamente nel processo di rilancio dell’economia e del Paese, lanciamo un appello a tutte le Istituzioni locali e nazionali perche’ ci si impegni in maniera attiva per risolvere in via definitiva questa vicenda dai contorni a dir poco paradossali, restituendo fiducia e speranza alle maestranze ed alle imprese”.