Cosenza, l’ambasciatore etiope ricevuto da Oliverio in Provincia

images“L’incontro di oggi rappresenta il nostro contributo perché si possa avviare tra i nostri paesi un rapporto di collaborazione e di cooperazione proficua e duratura”.
E’ quanto ha detto il presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, nel corso dell’incontro alla cui preparazione ha lavorato alacremente il consigliere provinciale Luciano Manfrinato e che si è tenuto oggi pomeriggio nella Sala-Giunta della Provincia di Cosenza tra l’Ambasciatore della Repubblica federale Democratica d’Etiopia, S. E. Mulugeta Alemseged Gessese e una delegazione di imprenditori cosentini. In mattinata il presidente Oliverio si era cordialmente intrattenuto con l’ambasciatore etiope e, dopo averlo omaggiato di un prezioso libro e di un elegante book che raccontano la storia del Palazzo della Provincia, lo aveva invitato ad aderire ufficialmente alla Fondazione “Europa, Mezzogiorno, Mediterraneo”, nata per favorire l’incontro, l’amicizia, la pace e la collaborazione tra i popoli di queste parti del mondo.
I due incontri, quello della mattina e quello del pomeriggio, sono serviti ad approfondire, attraverso la testimonianza del rappresentante del governo etiope, la conoscenza delle potenzialità del Paese sub sahariano che, con un mercato di oltre 80 milioni di abitanti e con un tasso di crescita in accelerazione (11,4% la crescita del PIL quest’anno) può offrire rilevanti opportunità di business e di sviluppo economico in numerosi settori alle nostre imprese.
“Il nostro Paese -ha detto, tra l’altro l’Ambasciatore, rivolgendosi agli imprenditori presenti- è legato all’Italia da profonde relazioni politiche, economiche e culturali che ormai hanno superato il secolo di storia e la vostra presenza da noi è molto apprezzata. Oggi noi rappresentiamo un vastissimo mercato potenziale per i prodotti italiani che sono conosciuti per il loro alto livello di qualità. Basti pensare che l’unico alimento esterno alla nostra cucina è la pasta italiana e che le prime automobili entrate nel nostro paese sono state quelle italiane (la 600, la 124, la 125, etc.). Sul nostro territorio ci sono diverse scuole italiane e in molti parlano la vostra lingua. Esiste, quindi, un terreno assai fertile per poter mettere insieme progetti e idee comuni. Oggi l’Etiopia ha un grande potenziale di sviluppo nel settore agricolo, agro-industriale e della meccanizzazione agricola, nel tessile, nell’industria della pelle, nelle telecomunicazioni, nel settore energetico. Gli importanti programmi di incentivo agli investimenti e di sviluppo infrastrutturale promossi dal Governo hanno migliorato l’ambiente economico, creando diverse opportunità che le imprese italiane non hanno ancora sfruttato appieno. Per il prossimo quinquennio prevediamo una sostenuta crescita della produzione e produttività agricola ed un sostanziale sviluppo dell’industria, trend che dovrebbe preparare la “rivoluzione industriale” da attuarsi nel quinquennio successivo. In tale prospettiva ci si attende che nasceranno molte nuove opportunità per gli investitori stranieri”.
“Il nostro desiderio più grande -ha concluso S. E. Mulugeta Alemseged Gessese- è quello che tra i nostri paesi possano concretizzarsi nuove opportunità di business che arricchiscano i nostri rapporti umani e commerciali e favoriscano le nostre e le vostre imprese”.
Nel salutarsi cordialmente il presidente Oliverio e l’Ambasciatore etiope si sono dati appuntamento dal 12 al 16 febbraio prossimi ad Addis Abeba per dar vita ad una serie di incontri di approfondimento e ad un nuovo, proficuo scambio di idee.