fbpx

Cosenza, iniziativa dell’associazione “Gli altri siamo noi” (FOTO)

image“Costruire sinergie per la promozione del diritto al lavoro delle persone con sindrome di Down”, questo è il tema che l’Associazione “Gli altri siamo noi” ha posto all’attenzione della cittadinanza e degli stakeholder del territorio coinvolti giorno 21 dicembre L’evento, organizzato nell’ambito del Progetto “+1 dal punto alla rete” promosso dal COORDOWN (Coordinamento nazionale associazioni delle persone con sindrome di Down) e finanziato dalla Fondazione con Il Sud, si è tenuto presso il Salone degli Specchi della Provincia di Cosenza. I lavori sono stati introdotti dalla relazione della Presidente dell’associazione, dott.ssa Adriana De Luca, che ha illustrato buone prassi realizzate nel territorio nazionale e locale, proprio dall’associazione, che dimostrano che l’inserimento lavorativo delle persone con sindrome di Down è possibile. Le condizioni perché ciò si realizzi sono molteplici, tutte riconducibili ad un cambiamento della cultura dominante nella direzione della valorizzazione delle persone con disabilità intellettiva, del superamento dei pregiudizi e dell’affermazione del diritto al lavoro oggi negato (il tasso di disoccupazione delle persone con Sindrome di Down è del 90%;il 50,9% dei soggetti con disabilità tra 15 e 44 anni, sono “incollocabili”, contro lo 0,3% dei non disabili). Questa situazione che ha meritato all’Italia una condanna dalla Corte di giustizia europea, è aimagesncora più grave in Calabria, dove il 32,3% degli alunni con disabilità non consegue alcun titolo di studio contro la media nazionale del 20,9%. E’ più che evidente la necessità di individuare e perseguire azioni positive in favore delle persone con disabilità intellettiva perché possano assumere il ruolo di adulto e di lavoratore. Il raggiungimento dell’obiettivo è condizionato fortemente dagli interventi educativi e formativi della famiglia e della scuola, dalla quantità e dalla qualità degli interventi riabilitativi, dalla possibilità di valutare secondo un approccio multidisciplinare le abilità residue e di valorizzare le competenze acquisite utili al collocamento mirato, dalla possibilità di accedere alla formazione (work-experience, tirocini, apprendistato,ecc.) ed infine dalla presenza di operatori che svolgano un’attività di mediazione e accompagnamento prima, durante e nel corso dell’inserimento lavorativo. Questo approccio ha dato risultati estremamente positivi per la qualità della vita della persona con sindrome di Down, per le famiglie e per la collettività, che recupera ad un ruolo attivo e produttivo un individuo altrimenti destinato all’assistenza a vita. Solo il lavoro congiunto e coordinato delle agenzie del territorio può realizzare tutto questo. Perciò l’associazione “Gli altri siamo noi” si è fatta promotrice e parte attiva nella realizzazione di un progetto pilota che coinvolga tutti gli Enti che svolgono un ruolo strategico: l’l’ASP di Cosenza deputata al giudizio di collocabilità, rappresentata dal direttore del Dipartimento di Prevenzione dott. Marcello Perrelli, dal direttore del Dipartimento dei Servizi Sociali dott.ssa Ninni Pellegrini e dalla dott.ssa Luigina Volpentesta in rappresentanza del SSM di Cosenza; la Provincia di Cosenza per il suo ruolo nella Formazione, il Collocamento Mirato, la costituzione del Servizio di Inserimento Lavorativo rappresentata dall’assessore Giuseppe Giudiceandrea e dall’assessore alle Attività Economiche e Produttive Mario Caligiuri; dalla Regione Calabria per il ruolo di programmazione e realizzazione di obiettivi afferenti alle Politiche Sociali,Formazione e Lavoro rappresentato dall’assessore Nazareno Salerno; tutti gli intervenuti hanno assunto impegni precisi nella direzione del superamento della grave situazione di disagio nella quale versano le persone con disabilità intellettiva. All’iniziativa ha portato il suo saluto e la sua vicinanza l’assessore al Bilancio e Programmazione Giacomo Mancini; sono intervenuti inoltre rappresentanti di aziende del territorio, di Associazioni di Categoria, della Fondazione Consulenti del Lavoro, le famiglie e le persone con Sindrome di Down. L’evento si è concluso con l’intervento del Presidente del COORDOWN d Sergio Silvestre che ha illustrato la situazione e le azioni intraprese a livello nazionale. Alla fine dell’evento i giovani e gli adulti dell’associazione “Gli altri siamo noi” hanno offerto un ottimo aperitivo e dei prodotti da forno realizzati all’interno del progetto “Saperi Sapori Solidarietà” mirato all’avvio di un laboratorio protetto e realizzato con il contributo del Bando per lo sviluppo dell’artigianato della Provincia di Cosenza. Ci auguriamo che il Natale porti alle persone con Sindrome di Down e disabilità intellettiva in dono il rispetto del loro diritto ad essere cittadini con pari opportunità.