Commercio: giù vendite dettaglio, anche per alimentari

SALDI: SHOPPING AL VIA, CON OCCHIO ATTENTO A RIDUZIONE SPESALe vendite al dettaglio a ottobre segnano un nuovo calo, scendendo dell’1,6% su base annua. Lo rileva l’Istat che registra un sostanziale stallo su base mensile (-0,1%). La contrazione non risparmia il settore alimentare, che perde lo 0,2% su settembre e lo 0,6% rispetto allo scorso anno. Il 2013 sembra destinato a chiudersi nel peggiore dei modi per il commercio al dettaglio, specchio dei consumi. L’Istat calcola un calo del 2,2% per i primi dieci mesi, con ribassi sia per l’alimentare (-1,3%) che, in maniera ancora più decisa, per il resto (-2,8%). Il 2012, uno dei più depressi su fronte delle vendite, si era chiuso con un -1,7%. A ottobre è andata male sia per i piccoli negozi, come le botteghe di quartiere, sia per la grande distribuzione, soprattutto per i supermercati, che, dopo avere resistito, hanno perso l’1,1%. Lo rileva l’Istat segnando un calo del 2,9% per i negozi di vicinato e un ribasso dello 0,2% per la grande distribuzione, che riesce a contenere la contrazione anche grazie ai discount alimentari (+2,4%), che sembrano cavalcare la crisi dei consumi.