fbpx

Calabria: mercoledì sciopero dei lavoratori LSU/LPU, manifestazioni a Reggio, Cosenza, Crotone e Lamezia

Protesta_Lsu-Lpu_al_Consiglio_regionaleDi seguito la nota diffusa da  Antonio Cimino Segretario Generale NiDIL CGIL CALABRIA, Carlo Barletta Segretario Generale FeLSA CISL CALABRIA e Gianvincenzo Benito Petrassi Segretario Generale UilTemp@ CALABRIA: Continuano le iniziative di mobilitazione decise per rivendicare la stabilizzazione e lo svuotamento del bacino LSU- LPU e di tutti i lavoratori appartenenti al precariato storico istituzionalizzato.

Mercoledì 11 dicembre 2013 è stato proclamato lo sciopero regionale, con  manifestazioni pubbliche a Lamezia Terme, Crotone, Cosenza e Reggio Calabria che vedranno  la partecipazione di tutti i lavoratori  calabresi.

Nessuno pensi di spostare la quota delle risorse nazionali, ancora largamente insufficienti, previste per Sicilia, Campania e Calabria, a copertura dei pagamenti del 2013 o per i progetti 2014, se ciò avvenisse rappresenterebbe l’ennesima dimostrazione di come la soluzione definitiva della vertenza  Lsu Lpu, ex art. 7 e  legge 15, non sia nelle intenzioni di chi oggi ci sta governando.

La riconvocazione a Roma del Tavolo Governativo presso la Presidenza del Consiglio prima dell’approvazione della Legge di Stabilità con la partecipazione delle Organizzazioni Sindacali Confederali è condizione essenziale visto il merito strettamente sindacale di questa vertenza.

L’approvazione degli emendamenti ripresentati dalla delegazione parlamentare Calabrese alla Camera, può rappresentare, congiuntamente alle proposte avanzate unitariamente da Cgil Cisl Uil e Ugl, un importante passaggio verso una soluzione definitiva della vertenza.

Insieme agli Lpu e Lpu, scenderanno in piazza anche i percettori di ammortizzatori sociali in deroga, rispetto ai quali occorre che dal Governo Nazionale vengano destinate le risorse necessarie per i pagamenti delle mensilità residue e che il governo regionale metta in campo nel più breve tempo possibile le politiche attive già concordate con le OO.SS. per il ricollocamento di questi lavoratori.

Alla Regione e al Governo manderemo un segnale forte della determinazione dei lavoratori e del Sindacato a proseguire la mobilitazione e la lotta, con l’obiettivo fondamentale della contrattualizzazione e dello svuotamento del bacino.

La mobilitazione continuerà con la manifestazione regionale unitaria di Cgil Cisl e Uil  che si terrà Sabato 14 dicembre a Lamezia Terme Nicastro.