fbpx

Abusi edilizi nell’area protetta del Parco nazionale dell’Aspromonte: denunce e sequestri

/

Foto abusivismoIl personale dei Comandi Stazione del Corpo Forestale di San Giorgio Morgeto e di Mammola, in provincia di Reggio Calabria, nel comprensorio del Parco Nazionale dell’Aspromonte, ha eseguito un’attività volta alla difesa dell’Ambiente. In particolare nel corso di un servizio di controllo del territorio, la pattuglia operante notava la presenza di una costruzione in itinere nella località Zomaro nelle campagne del Comune di Cittanova, consistente in due fabbricati di circa 130 metri quadri; i due manufatti risultavano essere costruiti tramite blocchi di cemento di forma rettangolare e da una tettoia già ultimata realizzata prolungando il tetto di uno dei manufatti. Intenti all’esecuzione dei lavoro edili erano presenti  3 operai ed un soggetto, P.D. di 54 anni, di Cittanova, che si è qualificato come possessore del terreno in attesa della stipula del contratto notarile, che ha dichiarato di aver proceduto alla realizzazione dei manufatti in assenza di qualsiasi tipo di autorizzazione. Dagli accertamenti effettuati, anche con l’ausilio del SIM mediante la sovrapposizione catastale, è risultato che il terreno di cui si tratta rientra nel comprensorio del Parco Nazionale d’Aspromonte, zona sottoposta a vincolo paesaggistico-ambientale e a vincolo idrogeologico, che lo stesso è di natura bosco e che l’attuale proprietario, R.S., di 55 anni, di Cittanova, dopo aver ottenuto un’autorizzazione al taglio di 30 piante di abete bianco, ha contravvenuto alle prescrizioni relative al reimpianto degli alberi abbattuti con altre piante forestali per ripristinare la formazione boschiva, ed ha costruito abusivamente un piccolo fabbricato. Dopo aver accertato che la violazione delle norme in materia edilizia e sulle aree protette , il personale del Corpo Forestale dello Stato, ha provveduto al sequestro dei manufatti edilizi realizzati abusivamente e al deferimento delle persone denunciate alla Procura della Repubblica di Palmi.