Violenza sulle donne: oggi indetto sciopero “in rosso”

femminicidioUno sciopero “in rosso” è’ quello di oggi lunedi’ 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, indetto dalle associazioni femminili di tutta Italia per denunciare ancora una volta -riporta l’Agi – la violenza di genere, un fenomeno diffuso trasversalmente in tutti gli strati della societa’ e che, paradossalmente denunciano le donne, “diventa tanto piu’ strisciante e invisibile quanto piu’ se ne parla”. Un’iniziativa che coinvolgera’ tutta Italia, all’insegna dello slogan “Donne in piazza. La violenza ci costa la vita”. Per tutta la giornata, le donne di tutto il Paese sono state invitate a fermarsi dalle proprie attivita’, produttive, riproduttive e di cura, per il tempo che vorranno e potranno. Una pausa dalle mille mansioni femminili che, per avere maggior visibilita’ e rilevanza, dovra’ tingersi di rosso con un paio di scarpe, una sciarpa, una maglia, un drappo rosso appeso alla finestra. Sono gia’ oltre cinquemila le adesioni raccolte dal comitato promotore dello sciopero, una cifra che contiene al proprio interno un potenziale molto piu’ grande se si pensa che le sottoscrizioni sono non solo di singole donne ma anche di intere associazioni. Moltissime le citta’, grandi e piccole, che si sono attivate, attraverso le associazioni femminili presenti sul territorio, per organizzare assemblee pubbliche, incontri con gli studenti, lezioni di storia delle donne, flash mob, spettacoli teatrali, proiezioni di film e documentari, tutti dedicati al tema della violenza sulle donne. Fitto il programma romano, coordinato dalla Casa internazionale delle donne dove, venerdì 22, sono state presentate le iniziative. Dopo l’assemblea del Consiglio straordinario del I municipio, che si terrà questa mattina presso la sede della Casa internazionale delle donne, il Campidoglio sara’ “legato” da centinaia di fili rossi che saranno tirati dalle trampoliere di Gruppo D, la cui perfomance sara’ accompagnata dai canti del coro del Circolo G. Bosio. Col calare della sera si tornera’ tutte in via della Lungara, dove si susseguiranno la presentazione del libro “Il lato oscuro degli uomini” (a cura di Alessandra Bozzoli, Maria Merelli e Maria Grazia Ruggerini), la proiezione del documentario “La violenza in… gabbia ma la rete libera tutte”, la perfomance di teatro-danza “Corpi segnati”, per culminare con l’evento teatrale “La violenza ci costa la vita. Storie di donne morte ammazzate”.