Da venerdì a Cosenza il festival del fumetto e delle arti visive le strade del paesaggio

imagesE’ il Mistero il tema scelto per la settima edizione de Le Strade del Paesaggio, Festival del fumetto e delle arti visive promosso dalla Provincia di Cosenza in partenariato con Cluster, cofinanziato nell’ambito del POR Calabria FESR 2007-2013, che animerà l’intera città dei bruzi da Venerdì 8 novembre fino al 1 dicembre.
Per la kermesse, un cartellone dinamico che anche quest’anno unisce una proposta culturale fruibile dal grande pubblico a momenti didattici e di alta formazione per futuri professionisti nel settore della creatività.
L’edizione che parte il prossimo Venerdì, alle 16,00, nella Galleria d’Arte Provinciale Santa Chiara, ha quale testimonial Dylan Dog, fra i più amati personaggi del fumetto italiano di tutti i tempi.
A declinare ed interpretare la narrazione misteriosa proposta dal Festival saranno invece artisti internazionali e giovani disegnatori espressione del genius loci che con grande personalità e credibilità stanno iniziando il loro percorso artistico. Alcuni, questi ultimi, fra i 460 giovani che negli anni hanno partecipato alla formazione proposta da le Strade del Paesaggio.
Nel corso dei giorni del Festival, mostre, incontri, concerti, laboratori per caratterizzare la città bruzia come città del fumetto, in cui l’arte sequenziale ne racconta la storia e le tradizioni.
A dettagliare il corposo programma in un incontro con la stampa, tenuto nel pomeriggio in Provincia, sono stati il presidente Mario Oliverio, l’assessore alla Cultura Maria Francesca Corigliano, il dirigente del Settore Programmazione Giovanni Soda, il direttore artistico Luca Scornaienchi, il presidente di Cluster Francesco Loreto.
“Il Festival che giunge alla sua settima edizione- ha voluto mettere in rilevo il presidente Oliverio- è un importante segmento di una linea di politica culturale che abbiamo sempre portato avanti come una priorità della nostra azione amministrativa e di governo, perseguendo l’obiettivo di un nuovo orientamento strategico del Mezzogiorno che proprio della cultura fa il tessuto connettivo di nuovi fermenti che guardano con consapevolezza alle proprie origini ed alla propria storia. La cultura ci ha permesso di parlare ai territori, di ricercarne, parteciparne, condividerne l’identità; ci ha consentito, nel contempo, di far esprimere talenti. E’ questo il caso di una esperienza come quella de Le Strade del paesaggio che, anche per questa sua peculiarità, è tra le pochissime in Italia, con voce autorevole e spazio d’eccezione.”

Il Festival del fumetto e delle arti visive parte Venerdì 8 novembre alle ore 16.00 nella Galleria d’Arte Provinciale S. Chiara ( Salita Liceo, centro storico di Cosenza) con l’anteprima dell’albo speciale di Dylan Dog realizzato in collaborazione con la Sergio Bonelli Editore per Le Strade del Paesaggio. Alla presentazione parteciperanno il curatore della mostra sull’indagatore dell’incubo Raffaele De Falco, Franco Busatta della Bonelli Editore, i disegnatori di Dylan Dog, Angelo Stano e Daniele Bigliardo e lo sceneggiatore Giuseppe De Nardo, che realizzeranno dal vivo delle opere inedite e firmeranno autografi per tutti gli appassionati.

Il cuore del Festival è certamente rappresentato dalle nove mostre in programma che daranno la possibilità al pubblico di ammirare dal vivo tanto i capolavori realizzati da importanti maestri del fumetto contemporaneo quanto le straordinarie opere di giovanissimi artisti del territorio cosentino.
Si va dalle tavole originali di Dylan Dog, esposte nella Galleria d’Arte Provinciale di Santa Chiara, alla satira tutta italiana di un grande maestro del fumetto come Altan; in più, il ricordo di Pasolini, che rivive nel segno del fumettista underground Davide Toffolo, gli scenari favolistici di Giancarlo Caracuzzo che insieme alla retrospettiva dedicata al mondo dell’infanzia Liberi Tutti popoleranno il Museo delle Arti e dei Mestieri di Corso Telesio, fino ai paesaggi incantati illustrati dalla disegnatrice napoletana Martina Peluso, in mostra alla Galleria d’Arte Terrain Vague, espressione della ricca e importante collaborazione del Festival quest’anno con i soggetti che operano nel territorio cosentino.
A rappresentare la creatività che anima il territorio provinciale saranno Giuseppe Stasi e Michele Hiki Falcone: il primo attraverso la rappresentazione di un mondo bizzarro e immaginifico in Volti, il secondo nel suo percorso fra fumetti e street art che vive nella mostra Sketch , ospitata alle Residenze Teatrali di San Fili.
La Leggenda di Alarico rivivrà nelle tavole originali dell’albo speciale di Martin Mystére edito da Bonelli in collaborazione con Le Strade del Paesaggio, in mostra al Museo dei Bretti e degli Enotri, mentre il fumetto dedicato a Don Carlo de Cardona sarà ospitato alla Biblioteca della Provincia di Cosenza.
Nel corso del Festival verranno presentate le più interessanti graphic novel di recente pubblicazione in Italia: dall’appassionante rivisitazione della carriera del Pibe De Oro Diego Armando Maradona, alla poetica di Bruce Springsteen; dalla biografia di Adriano Olivetti fino agli scenari americani di Soul Crime, antologia noir edita da Round Robin.
Anche quest’anno il Festival dedicherà ampio spazio alla formazione attraverso numerosi corsi per gli studenti, dall’animazione 3D alle arti digitali, dal fumetto tradizionale alla colorazione.
Un incontro speciale sarà poi tenuto da Davide Toffolo che parlerà della poetica di Pasolini agli studenti delle scuole secondarie della provincia di Cosenza.
Per i più giovani, dai 4 ai 14 anni, ritorna l’apposita Sezione Games, animata da diversi laboratori.
Parole e fumetti infine incontreranno l’universo musicale grazie a momenti sonori importanti tra cui il progetto Musica Contro le Mafie curato dall’etichetta discografica MK Records, che avrà ospiti d’eccezione come Giovanni Impastato (fratello di Peppino) e il cantante romano Piotta e presenterà due trailer tratti dall’omonimo documentario nel corso del Festival.
I fumetti conquisteranno anche le strade, le vetrine gli esercizi pubblici, pervadendo finanche il quotidiano con speciali menù nei ristoranti del centro storico di Cosenza.
.