Università di Messina: precisazioni della prof. Gensabella su foto tesi tra i rifiuti

tesiCome riportato dal sito MessinaOra.it, la professoressa Marianna Gensabella, direttore del Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne (DICAM, ex Facoltà di Lettere e Filosofia), in riferimento alla foto-notizia delle tesi di laurea gettate tra i rifiuti (clicca qui per leggere l’articolo), tiene a precisare quanto segue:

- La foto si riferisce a tesi di laurea custodite nella stanza di una collega andata in pensione (come si può facilmente ricostruire grazie alle informazioni ricavabili dall’intestazione). Si trovavano accanto alla porta della stessa stanza – e non all’esterno del Dipartimento – per essere smaltite, come prevede la prassi in questi casi.
- Preventivamente, però, come è prassi consueta del Dipartimento, erano state staccate le pagine dei lavori, tanto che l’immagine indica con chiarezza come si tratti delle copertine e non degli interi elaborati.
- Non risponde assolutamente al vero l’idea che venga chiesto agli studenti di stampare copie della tesi in più rispetto a quelle necessarie. La versione cartacea resta agli atti della Segreteria Studenti e la versione in Cd rimane agli atti del Dipartimento. Le restanti copie sono nella disponibilità, oltre che dello stesso laureando, del relatore e del correlatore.
- È ovvio che sia relatori che correlatori non hanno obbligo di conservare sine die le tesi di laurea.
- Non è assolutamente vero che le tesi di laurea siano disponibili in armadi incustoditi nei corridoi del Dipartimento.

Marianna Gensabella
Direttore del Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne