Turismo e trasporto aereo: relazioni e sinergie per stimolare la crescita al Sud

EP7.jpegLa straordinaria crescita del turismo internazionale negli ultimi decenni – da 25 milioni di turisti nel 1950 a un miliardo nel 2012 – è un successo legato ai progressi del trasporto aereo. Allo stesso modo, lo sviluppo del trasporto aereo è intrinsecamente connesso all’ espansione del turismo che, considerando le previsioni dell’OMT, è destinata a non arrestarsi nei prossimi anni, coinvolgendo entro il 2030 1,8 miliardi di viaggiatori. Nonostante gli evidenti legami, queste due politiche continuano però ad essere concepite in maniera piuttosto settoriale e troppo spesso persino contrastante. Turismo e trasporto aereo agiscono ormai come due “vasi comunicanti” ed occorre pertanto concepire strategie comuni per stimolare la crescita economica. Questa necessità è avvertita soprattutto nelle regioni del sud Europa che, pur registrando un trend positivo nel 2012 e nei primi otto mesi del 2013, possono sicuramente fare di più.

Nuove rotte al Sud

Tra i successi da attribuire alle compagnie aeree e soprattutto a quelle low cost vi è la capacità di aver valorizzato aeroporti e località in passato ignorate dai collegamenti internazionali. Questo dato è ancor più significativo se si fa riferimento, nel caso dell’Italia, a regioni come Sicilia e Sardegna che presentano una forte vocazione turistica. E’ proprio qui che alcune note compagnie europee hanno voluto introdurre nuove rotte e quindi nuove opportunità per il business e per il turismo. E non solo. L’importanza attribuita ad un aeroporto implica un totale coinvolgimento del territorio e delle sue potenzialità.

L’esempio di Comiso

E’ quanto accaduto a Comiso, in provincia di Ragusa, dove la Ryanair ha, di recente, lanciato i primi voli internazionali per Bruxelles (Charleroi) e per Londra (Stansted) , che insieme a quelli per Roma (Ciampino) trasporteranno oltre 150.000 passeggeri all’anno. Quest’importante traguardo ha già sollecitato le prime misure atte a rendere la città ancora più attrattiva. Pulizia e cura del verde sono ad esempio i primi provvedimenti che il Comune si è impegnato a promuovere, piccoli ma importanti passi per indurre i turisti a fermarsi ed apprezzare le bellezze del territorio. Questo può essere considerato un valido esempio di come turismo e trasporto dovrebbero interagire al fine di ottenere vantaggi per entrambi i settori.

Politiche low pricing per i voli interni

L’apertura all’estero, con l’introduzione di nuove rotte, non sempre è associata ad un miglioramento dei collegamenti interni. Spesso risulta più conveniente viaggiare da e per l’estero anziché spostarsi all’interno del nostro paese. Sono proprio gli italiani infatti e non solo gli stranieri ad optare per altre mete, pur potendo contare su un territorio dalla consolidata tradizione turistica. Nelle regioni del sud le ricadute negative sul turismo interno, ma anche sulle imprese e l’occupazione del settore, sono inevitabili. Non è un caso quindi che, negli ultimi
tempi, le compagnie aeree, anche in risposta ad una crescente domanda, stiano introducendo su tutto il territorio voli più frequenti e tariffe più convenienti. Basta consultare il motore di ricerca per voli low cost volo24.it per avere una panoramica completa delle offerte relative alle tratte interne che negli ultimi tempi registrano un certo incremento. Se è vero che le rotte aumentano così come la voglia di viaggiare, basterebbe solo assecondare questo trend, potenziando l’attrattività turistica dei luoghi e rendendoli al contempo sempre più interconnessi.