Teatro “V. Emanuele”, Accorinti incontra i dipendenti: “prometto massimo impegno”

1466125_611372745593627_519897799_nIl sindaco di Messina, Renato Accorinti, ha avuto pochi minuti fa un confronto faccia a faccia con i dipendenti del Teatro “Vittorio Emanuele”. Accorinti ha promesso massimo impegno per venire incontro alle richieste dei lavoratori, garantendo che interpellerà e solleciterà la Regione Siciliana a prendere provvedimenti sulla grave situazione che afflige l’E.A.R..

Ricordiamo infatti che la stagione musicale è stata totalmente annullata, e che gli orchestrali rivendicano da tempo, sulla base di una legge regionale mai applicata, la stabilizzazione, che verrebbe garantita da una percentuale fissa del finanziamento pubblico. Il sindaco, solidale con i manifestanti, che sono intervenuti in occasione della conferenza stampa di presentazione della mostra “Uno Spazio per l’Arte”, ha indossato la maglietta “Giù le mani dal nostro Teatro”.

Il Teatro e la cultura devono essere il segno della ripartenza di una nuova mentalità - ha dichiarato poi il sindaco durante la conferenza stampa -. Quello che sta succedendo a Messina negli ultimi mesi, quello che stiamo tentando di fare con tutta l’anima, è qualcosa che non c’era mai stato. Stiamo cercando di fare la politica, politica come azione per il bene comune. La sfida più bella è questa. Io sono felice di lavorare 25 ore al giorno, perché è una gioia infinita tentare con tutte le nostre forze di cambiare le cose“.

1461203_611372828926952_551775905_nSo benissimo quanto servono i finanziamenti regionali e nazionali – aggiunge Accorinti -. Ma bisogna lottare per il bene comune oltre i beni personali. Andare oltre il diritto per il proprio posto di lavoro, che comunque è giusto, ma bisogna cercare il bene comune. Ci sono città che hanno ben più servizi di Messina, e ci hanno massacrato perché siamo rimasti zitti. Dobbiamo cercare un’altra strada, cambiare rotta. Lo stiamo facendo. Abbiamo centinaia di adesioni di chi vuole cambiare le cose, senza pretendere un soldo. Dalla cultura – conclude Accorinti – deve venire questo cambio di prospettiva. Ed è per questo che, dopo la battaglia del Ponte che abbiamo vinto, vogliamo creare un Museo del Mare e un Museo della Mitologia“.

Apprezza l’impegno del primo cittadino di Messina anche il commissario del Consiglio di Amministrazione dell’Ente Teatro, Rosario Cultrone. Anch’egli ha confermato che la Regione ha a cuore le sorti del “Vittorio Emanuele” e lo spirito di Accorinti è in sintonia con quello del Governo Crocetta.