Regione Calabria, lavori Prima Commissione

calabria 1Con l’audizione dell’Associazione “Le Castella Comune”, presieduta da Giuseppe Marra, si sono aperti i lavori della Prima Commissione “Affari istituzionali, affari generali, riforme e decentramento”, presieduta dal consigliere Giuseppe Caputo.
L’associazione ha chiesto al Consiglio regionale di legiferare in materia di istituzione di nuovi Comuni al fine di ottenere il riconoscimento di “Le Castella” quale nuovo ente.
In merito, il presidente Caputo ha ricordato che, “in assenza di una legislazione regionale in materia, si applica la normativa nazionale che fissa in 10 mila abitanti la soglia al di sotto della quale non possono essere istituiti nuovi Comuni. Peraltro – ha aggiunto – la richiesta si pone in antitesi alla tendenza in atto che è quella dell’accorpamento in ossequio ai principi della Spending Review”. Tuttavia il presidente “ha garantito che si farà interprete delle istanze manifestate approfondendo la materia e, con un impegno formale a presentare una proposta di legge che consenta alla Regione di autodeterminarsi”.
Nel prosieguo, la Commissione ha audito il Dirigente del Dipartimento “Lavori Pubblici” Pasquale Gidaro chiamato a relazionare sul nuovo Regolamento regionale di disciplina delle modalità di ripartizione dell’incentivo di cui all’art. 92, commi 5 e 6 del Dlgs n. 163/2006 concernente “Corrispettivi, incentivi per la progettazione e fondi a disposizione delle stazioni appaltanti”.
Su richiesta di diversi consiglieri, la Commissione ha deciso di acquisire tutta la documentazione comprensiva dei pareri e di tutti gli atti a corredo, compreso l’accordo raggiunto in sede di contrattazione decentrata con le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative del comparto Regioni-Enti Locali, rinviando l’esame nel merito del provvedimento.
L’organismo ha quindi incardinato la discussione sulla proposta di legge n. 351/9 di iniziativa dei consiglieri Emilio De Masi, Giuseppe Giordano e Domenico Talarico che introduce “Norme in materia di pluralismo informatico, sulla adozione e la diffusione del software libero”, illustrata in Aula dal consigliere De Masi.
Approvata all’unanimità la proposta di provvedimento amministrativo n. 245/9 di iniziativa dei consiglieri Demetrio Naccari Carlizzi e Mario Franchino che introduce “Modifiche al Regolamento interno del Consiglio regionale”.
Tale provvedimento prevede l’integrazione dell’art. 43 del Regolamento, stabilendo che “la pubblicità dei lavori di ogni seduta del Consiglio regionale venga assicurata anche mediante trasmissioni in diretta per mezzo degli strumenti multimediali a disposizione”. Via libera, sempre all’unanimità, alla proposta emendativa del consigliere Giuseppe Giordano che prevede l’uso della rilevazione elettronica durante le votazioni nelle sedute d’Aula.
Sull’approvazione del provvedimento, il presidente Caputo ha espresso la sua “piena soddisfazione” perché, ha detto, “risulta ispirato ai principi di trasparenza, democrazia e partecipazione”.
Per illustrare i contenuti della proposta di provvedimento amministrativo licenziata dalla Prima Commissione, i consiglieri Demetrio Naccari Carlizzi, Giuseppe Giordano e Mario Franchino terranno una conferenza stampa domani mercoledì 6 novembre alle ore 10.30 nell’Aula Levato di Palazzo Campanella.
Rinviato, infine, l’esame del progetto di legge n. 429/9 “Modifiche alla legge regionale del 15 gennaio 2009, n.2 (Norme per l’istituzione di un Parco storico rievocativo del decennio francese in Calabria) d’iniziativa del consigliere Alfonso Grillo.
Alla seduta hanno preso parte il Vicepresidente del Consiglio Alessandro Nicolò, il presidente della seconda Commissione Candeloro Imbalzano, i consiglieri Pasquale Tripodi, Tilde Minasi, Demetrio Naccari Carlizzi, Emilio De Masi, Giuseppe Giordano e Nino De Gaetano.