Regione Calabria, dichiarazione del gruppo del Pd su variazione di Bilancio

calabria 1In merito alla variazione di Bilancio licenziata ieri dall’Aula, il gruppo consiliare regionale del partito democratico ha rilasciato la seguente dichiarazione che si trasmette nella sua stesura integrale:

“Ieri, in sede di dichiarazione di voto rispetto alla variazione di Bilancio per corrispondere le dovute spettanze agli Lsu-Lpu, il gruppo del Pd, pur assicurando il proprio consenso a sostegno del provvedimento, ha espresso la propria palese insoddisfazione. Suscita il nostro malcontento sia l’inadeguatezza del provvedimento che lascia scoperte alcune mensilità del trattamento che l’impostazione perseguita di giungere tardivamente a trattare un problema sociale drammatico che invece, il gruppo del Pd aveva segnalato fin dall’approvazione del Bilancio di previsione. Si è arrivati così in Aula senza un testo filtrato dal parere delle Commissioni competenti e con delle indicazioni generiche. Un percorso che attesta, ancora una volta, una metodologia di governo fondata sull’improvvisazione e sull’assenza di programmazione. Pertanto, tale provvedimento riveste una valore solamente rispetto all’urgenza del problema, considerata la drammaticità della situazione. La nostra richiesta era quella di trovare le risorse. Rifiutiamo, invece, la logica di lotta fra poveri decisa dal presidente Scopelliti, atteso che i 5 milioni e mezzo di euro utilizzati per gli Lsu-Lpu sono stati sottratti alle politiche sociali. Tale operazione contabile è stata chiaramente sottaciuta nel corso della discussione in Aula. Sulle stesse politiche sociali, in questi mesi, si è registrata una colpevole disattenzione e sottovalutazione che già pesa enormemente su servizi peraltro strutturalmente sotto finanziati in Calabria, in un momento in cui, invece, la grave crisi sociale ed economica invocherebbe ed imporrebbe ben altri sforzi. Finora, solo proclami e conferenze stampa che annunciano interventi sulla povertà, copertura di passività pregresse. Oggi, non si può più procedere indugiando sui problemi, come è inaccettabile assistere ad astuzie contabili ed al traghettamento continuo di risorse da un capitolo all’altro. Per questi motivi, riteniamo che il Presidente Scopelliti e l’assessore Salerno debbano fare subito chiarezza circa la reale disponibilità in Bilancio di risorse per le politiche sociali ripristinando nell’immediato, il capitolo di spesa reso incapiente con l’ultima variazione e debbono, allo stesso modo, dare trasparenza alle scelte da operare in questo settore mettendo fine a dichiarazioni senza corrispondenza con la realtà dei provvedimenti adottati. Consideriamo a tal fine necessario convocare una riunione delle competenti Commissioni per delineare una strategia finalmente credibile che mettendo insieme la nuova programmazione comunitaria e le risorse realmente disponibili della Regione, possa dare finalmente chiarezza e risposte al grande bisogno che la Calabria ha di politiche sociali, reali, effettive e non di facciata”.