Reggio: grande festa a Gallico per i 107 anni di nonna Giulia

scopelliti nonnaGiulia Stillitano ha festeggiato 107 anni attorniata dall’affetto dei familiari e degli amici. Quest’anno ha avuto un regalo inaspettato: la visita del Presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti, accompagnato da Giuseppe Agliano (che da assessore comunale ha più volte partecipato alle ricorrenze ultracentenarie). Il Governatore Scopelliti ha consegnato alla signora Giulia una targa a nome della Calabria per ricordare lo speciale e straordinario evento. Infatti la “supernonna”, come si legge sulla torta, è tra le persone più longeve della Calabria (da una ricerca effettuata dai parenti sembra che lo scettro glielo sottragga un arzillo “giovanotto” di qualche mese più anziano).

Nonna Giulia nasce a Bovalino il 24 novembre 1906 ma da circa 88 anni vive a Reggio Calabria, nel quartiere di Gallico. E’ sempre stata una donna molto attiva e dinamica, tanto da dividersi per quasi 50 anni tra il “mestiere” di casalinga e le molteplici attività commerciali avviate dal marito cavaliere del lavoro Antonino Campolo, che andavano dal primo storico negozio di apparecchiature musicali (primi dischi in vinile, radio, ecc.) sito sotto i portici del Duomo di Reggio Calabria, alla ristorazione, per chiudere con il laboratorio di insegne luminose sito in via Marvasi. Racconta della tragedia del secondo evento bellico di cui ha un ricordo lucido, e conserva anche quello della prima guerra mondiale pur avendo al suo inizio solo nove anni. La sua vita è sempre stata contraddistinta dalla una particolare indole altruista sempre improntata al quieto vivere e al rispetto incondizionato verso il prossimo, doti che l’hanno portata ad essere sempre molto amata da tutti, anche per il suo carattere particolarmente ricco di sana ironia e senso dell’umorismo, presente tutt’ora, nonostante l’età ed i naturali acciacchi. Suocera del compianto professore Mario Gaudioso, noto in città per il suo appassionato impegno politico e per la dedizione al lavoro, svolto per più di 50 anni nell’ambito dell’insegnamento. Nonna Giulia ha avuto tre figli, due femmine, Gianna e Maria (Nuccia) ed un maschio, Gaetano (purtroppo deceduto, la sua autentica spina nel cuore), dieci nipoti e otto pronipoti sparsi tra Roma, Reggio Calabria e Ferrara, che ogni anno non mancano di riunirsi con immensa gioia il 24 novembre, per festeggiare e stare insieme alla loro nonna. Nel 2009, supera un delicato intervento al femore, per intercessione (come ama ripetere lei) della nostra amatissima Madonna della Consolazione, alla quale è sempre devotissima. Alla base della sua dieta non è mai mancato il peperoncino consumato a iosa per decenni di cui ancora gradisce un assaggio ogni accompagnato da un bicchiere di buon vino.

La cosa a cui nonna Giulia tiene di più e l’ormai tradizionale messa recitata in casa sua dal disponibilissimo don Salvatore sacerdote della parrocchia di Santa Maria di Porto Salvo di Gallico Marina, tradizione cominciata dai 100 anni in poi.