Palermo: non introduce slot machine nel suo bar, premiato barista

slot machineHo fatto solo una scelta di principio, non mi aspettavo la vicinanza di tanta gente, credo che chiunque abbia una dignita’ debba difenderla da tutto. Il gioco d’azzardo e’ una piaga che riguarda tantissime famiglie“. Si dice sinceramente “stupito e frastornato” dall’eco della sua iniziativa Lucio Gionti, titolare del bar del Kassaro di Palermo che oggi, alla fiera ‘Fa’ la cosa giusta! Sicilia’ ha ricevuto dal sindaco Orlando una targa come premio per essersi rifiutato di introdurre delle slot machine nel proprio bar. “Le slot machine sono veicoli di infiltrazioni mafiose, la mia e’ stata una decisine naturale, ho scelto di dire no a pizzo in tempi non sospetti – aggiunge Gionti – per me e’ inconcepibile lucrare sulle disgrazie altrui. Sono consapevole del fatto che molti miei colleghi hanno fatto la scelta opposta, chi per incrementare i propri introiti e chi semplicemente per leggerezza. A me spiace soprattutto che si sia persa la dimensione sociale e comunitaria del gioco, in fondo cosi’ si investe anche sulla qualita’ della clientela del proprio bar”. La scelta di Gionti si inserisce all’interno di un movimento nazionale ‘no slot’ che oggi conta circa 80 organizzazioni e associazioni, come spiega uno dei sostenitori della campagna presenti alla fiera, Leonardo Becchetti, docente di Economia all’universita’ Tor Vergata di Roma: “Con l’adesione della citta’ di Palermo che oggi si aggiunge a quelle di Brescia, Biella e altri Comuni siciliani, siamo arrivati a dieci citta’ no slot, contiamo di arrivare a 100 entro maggio e di organizzare al termine una grande manifestazione nazionale a Roma”.