Nuovo CentroDestra, Scopelliti parla da leader: “basta verticismi, partiamo dal basso” [VIDEO]

scopelliti_videoIl “Nuovo Centro/Destra” si presenta ufficialmente: al Tempio di Adriano a Roma Angelino Alfano, Maurizio Lupi e Gaetano Quagliariello hanno riunito l’ala del Pdl che ha deciso di continuare comunque a sostenere il governo. Lupi dà innanzitutto i numeri: 30 senatori, 29 deputati, 1 presidente di regione (Giuseppe Scopelliti, il governatore calabrese), 16 assessori regionali e 86 consiglieri regionali che hanno scelto di unirsi alla nuova formazione politica. “Il 7 dicembre – ha spiegato Lupia Roma ci troveremo per presentarci tutti insieme, presenteremo il nuovo logo“. Nell’incontro non c’e’ nemmeno un palco, per dire, nemmeno il podio dell’oratore. Solo una pedana, appena rialzata, giusto per far vedere chi parla alla platea. Il manifesto, poi. “Nuovo centrodestra. Insieme“. Scritta nera, su sfondo bianco e attorno le firme dei “soci fondatori“, come li chiama Alfano.
Nunzia De Girolamo, Beatrice Lorezin, Renato Schifani, ”e poi mancano ancora i sindaci, i presidenti di provincia. Il 7 dicembre -dice Lupi, oggi nella vesti di ‘conduttore’ della manifestazione- vi daremo tutti i nomi“.

Queste le parole del governatore calabrese Giuseppe Scopelliti (vedi video):

Sarà un movimento, un movimento giovane che guarda al futuro e che vuole costruire una grande prospettiva per questo paese. E’ l’idea vincente perchè un centro/destra moderno, europeo un centro/destra che guarda l’idea di costruire finalmente un qualcosa di importante e di significativo anche per i giovani che oggi nutrono grande perplessità rispetto alla politica, ed è anche un partito, un movimento, che si fonda sulla capacità di costruire una realtà che nasce dal basso. Basta verticismo dobbiamo guardare il centralismo guardiamo ai territori per far nascere una nuova idea di partito e di movimento sul livello nazionale“.

Noi stiamo sicuramente dalla parte di Berlusconi e del centro/destra in questo momento particolare che vive il nostro paese sentiamo la responsabilità di sostenere un governo che possa aiutare il paese ad uscire dalla fase di crisi che vive per poi ovviamente continuare la nostra esperienza nel centro/destra in cui noi ci riconosciamo per valori per storia e per tradizione. Voteremo contro la decadenza e poi il senso di responsabilità ci porta a fare una battaglia comunque in difesa di Berlusconi e poi ovviamente sosterremo perchè no questo governo perchè abbiamo la necessità di dare una risposta seria, di buona politica al territorio e quindi agli italiani. Su Berlusconi la nostra idea è che non deve essere la politica a mandare a casa un leader riconosciuto e apprezzato da milioni di italiani magari che fossero altre tipo altre istituzioni a ratificare questo percorso ma non la politica perchè non è un bel segnale  non è un’azione corretta ma aldilà di questo comunque il 27 se ci sara il voto noi continueremo a votare contro la decadenza di Berlusconi“.

Abbiamo tutti un grande obiettivo quello di costruire un movimento che rappresenti il nuovo centro/destra italiano un centro/destra moderno europeo che faccia della politica del territorio un momento fondante della sua azione, vogliamo finalmente riscoprire e valorizzare il principio meritocratico dobbiamo guardare ai bisogni della collettività, questi sono alcuni dei grandi obiettivi che ci poniamo perchè riteniamo fondamentale guardare al territorio, ai bisogni della nostra gente e su questo costruiremo un percorso importante su questo insieme ad Angelino Alfano costruiremo il futuro del nosto Paese“.