‘Ndrangheta, operazione a Cosenza contro la cosca Lanzino: cinque arresti

Carabinieri-arrestoCinque persone sono state fermate dai Carabinieri del Comando provinciale di Cosenza e del Raggruppamento operativo speciale (Ros) nell’ambito di un blitz che ha colpito il clan Lanzino. I reati contestati, a vario titolo, agli indagati vanno dall’associazione per delinquere di tipo mafioso al danneggiamento seguito da incendio, dall’estorsione alla detenzione ed al porto illegale di armi, dal favoreggiamento personale alla procurata inosservanza di pena. Le misure cautelari sono state disposte dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro. L’attività investigativa culminata nell’operazione condotta all’alba aveva preso avvio in seguito alla cattura, avvenuta il 16 novembre dello scorso anno, del boss Ettore Lanzino. Nella circostanza erano stati tratti in arresto pure Umberto Di Puppo e Renato Mazzulla, ritenuti tra coloro che avevano favorito il boss mentre era latitante. Da lì in poi il lavoro dei militari dell’Arma si è concentrato, in particolare, sulla individuazione degli affiliati al clan che si erano impegnati a proteggere il capo nel periodo in cui era riuscito a darsi alla macchia.