Milazzo punta a inserirsi nel circuito del diportismo d’élite: accordo con la Luise associates Sicily

Yacht Queen K - Image courtesy of EIDSGAARD DESIGNI significativi numeri registrati nel settore del diportismo – che come è noto sfuggono alle statistiche ufficiali relative alle presenze turistiche – hanno indotto l’Amministrazione ad aprire assieme all’Autorità portuale un nuovo filone che se troverà riscontro, rappresenterà sicuramente la svolta per il turismo della città del Capo. Milazzo infatti punta ad inserirsi nei circuiti dei grandi yachts che solitamente si muovono nel Mediterraneo.

Per sviluppare questa iniziativa, d’intesa con l’Autorità portuale, è stato promosso un primo incontro con la “Luise associates Sicily“, società del gruppo Luise presente sul mercato nelle principali località del turismo italiano (Venezia, Portocervo, Capri) e in Sicilia.  Alla riunione, svoltasi a Palazzo dell’Aquila, hanno partecipato il sindaco Carmelo Pino, il presidente dell’Autority, Antonino De Simone, il segretario generale Francesco Di Sarcina, il comandante della Capitaneria di porto, Fabrizio Coke ed il rappresentante della società Massimo Luise.

Proprio quest’ultimo ha evidenziato come già la scorsa estate, una delle marinerie di Milazzo ha iniziato un rapporto di collaborazione. Da ciò è scaturito il convincimento di inserire la città, anche per il suo patrimonio artistico-culturale, tra i propri itinerari  crocieristici consolidando una rete di servizi e strutture di accoglienza che permettano anche ai mega yachts di trovare ospitalità in questo scalo. Il presidente De Simone nel ricordare che questi contatti sono stati avviati in diversi appuntamenti fieristici (l’ultimo al salone del lusso di Cannes) ha evidenziato che è interesse anche dell’Autorità portuale raccogliere questo segmento di clientela e pertanto bisogna supportare questa sfida. Il comandante Coke ha invece evidenziato che tecnicamente l’area idonea ad ospitare questi yachts di grandi dimensioni attualmente può essere solo il molo Marullo che consente ai diportisti di trovarsi già nel centro della città.

Il sindaco Carmelo Pino, preso atto dei numeri di “Luise associates Sicily” ha ribadito l’importanza che tale percorso possa avviarsi in quell’ottica di rilancio della città che punta anche al turismo d’élite. “I diportisti che viaggiano sui mega yachts – ha detto – incentivano notevolmente lo sviluppo economico del turismo. Sia per la loro presenza sul territorio, sia perché costituiscono un richiamo per altri visitatori che, come spesso accade, vengono a visitare quei luoghi dove sanno che è transitato un vip. Milazzo ha tutte le potenzialità per accogliere questa tipologia di vacanzieri, sia sotto il profilo dei servizi che della tranquillità dell’approdo stesso”. Il sindaco ha ricordato a tal proposito  che nell’estate appena trascorsa nei porticcioli turistici sono giunti personaggi importanti come Sarah Ferguson, Massimo Moratti, Kate Moss, alti vertici della finanza europea ed esponenti del mondo arabo.

Guardo quindi con grande attenzione e fiducia – ha concluso Pino – all’intento del Gruppo Luise di proporre la nostra città al mercato internazionale della nautica da diporto di lusso, non solo come meta di passaggio o scalo tecnico, ma soprattutto come destinazione di crociera indipendente,  perché consapevole delle stime importanti riferite al valore economico generato dal traffico dello yachting in Italia, a livello di indotto “tecnico”  (servizi portuali, approvvigionamenti di bordo, servizi tecnici) e di indotto turistico (trasporti, ristorazione, shopping). Mi auguro quindi che quest’ulteriore seme gettato possa concretizzarsi per dare un altro strumento di rilancio del nostro turismo“.