Meteo Stretto: la prossima settimana arrivano gelo e neve

Stretto di MessinaLo Stretto di Messina solo “sfiorato” dal maltempo più estremo che da inizio settimana sta colpendo gran parte d’Italia e anche alcune vicine zone di Calabria e Sicilia, lasciando però solo moderati fenomeni di instabilità nell’area di Scilla & Cariddi: qualche pioggia o veloce temporale, locali grandinate, brevi acquazzoni ma niente di particolarmente intenso da creare danni o disagi. Dopo tanti giorni di instabilità, l’unico effetto concreto è il netto calo termico che ha portato oggi le temperature minime a crollare fino a +11°C e le massime a fermarsi sui +17°C sia a Reggio che a Messina. Possiamo dire che in questo 2013 l’autunno è una stagione praticamente inesistente: fino a due settimane fa abbiamo avuto un clima tipicamente estivo, con sole e caldo, adesso invece di colpo è arrivato l’inverno, con temperature da fine dicembre ancora adesso che siamo a metà novembre.
Nel weekend, tra sabato 23 e domenica 24, lo Stretto di Messina sarà ancora “saltato” dal maltempo che imperverserà in questi giorni su gran parte d’Italia (qui i nostri dettagli), a causa dei venti di libeccio che – come sempre – per quest’area sono forieri di stabilità e mitezza climatica, in quanto l’Etna e i rilievi siciliani che sorgono a sud/ovest dello Stretto lo riparano e proteggono nel modo migliore possibile.
Il maltempo, però, tornerà a interessare l’area dello Stretto la prossima settimana, tra lunedì 25 e giovedì 28, con diversi giorni di piogge e temporali localmente intensi. Le temperature crolleranno ulteriormente a causa di un’irruzione gelida che porterà la neve sulle spiagge dell’Adriatico e a quote molto basse al sud. Nello Stretto le temperature crolleranno fino a mercoledì 27 e giovedì 28, quando le minime a Reggio e Messina potranno toccare addirittura i +6/+7°C e le massime potrebbero fermarsi ad appena +10°C, come nei giorni più freddi dell’inverno. La neve potrebbe cadere a partire dai 400-500 metri sui rilievi di Aspromonte e Peloritani. Come, appunto, nei giorni più freddi di gennaio e febbraio. Per monitorare la situazione in diretta seguite le news in tempo reale di MeteoWeb e le pagine del nowcasting: satelliti, situazione, fulminazioni, radar e webcam.