Messina, rifiuti, la Regione finanzierà il biostabilizzatore di Pace

discaricaUn passo avanti quello compiuto dall’ Amministrazione Accorinti verso un razionale protocollo di raccolta e gestione rifiuti.

L’incontro, a Palermo, tra l’assessore all’ambiente Daniele Ialacqua, il suo collega alla Regione, Nicolò Marino e il dirigente generale del dipartimento rifiuti, Marco Lupo, ha dato buoni frutti: la Regione finanzierà l’impianto di biostabilizzazione di Pace e contribuirà in maniera incisiva al progetto dell’Ato3 riguardo la raccolta differenziata.

La biostabilizzazione è un’operazione di trattamento dei rifiuti che consiste nella separazione della frazione secca da quella umida, così da ridurre notevolmente, oltre che l’impatto ambientale ( produzione di percolato e biogas) anche i costi di smaltimento. Per quanto riguarda la raccolta differenziata ricordiamo che il piano delineato dall’Ato3 prevede la raccolta porta a porta per un numero di cittadini da 65 a 100mila.

Considerando la scarsa percentuale di raccolta differenziata prodotta dalla città di Messina, ( circa il 5,5%) e le scarse risorse comunali da destinare a questo settore, questa è sicuramente una bella notizia, un’occasione, è proprio il caso di dirlo, da non gettare via.