Messina: reset! interviene sulle recenti disposizioni “anti-tir” del Comune

logoresetIl movimento reset! di Messina interviene, attraverso il presidente Davide Savasta, sull’ordinanza del Comune del 30 ottobre che ha integrato le precedenti disposizioni “anti-tir”. Ecco la nota ufficiale di reset!:

A seguito dell’Ordinanza n° 534 del 30 ottobre 2013, che integrava la O.D. n° 488/2013, per la regolamentazione del traffico nel centro urbano dei veicoli superiori a 3,5 t, teniamo a precisare la nostra posizione.

Quanto accaduto ci conferma che la posizione che avevamo sostenuto in campagna elettorale sia ancora valida e che senza la seconda invasatura di Tremestieri sarà impossibile liberare la Città, quasi totalmente dai TIR.

Quanto stabilito dall’Amministrazione con i suddetti provvedimenti, quindi prima della consegna della seconda invasatura del Porto di Tremestieri, da un lato ci aveva perplesso, dall’altro, invece, ci è parso un chiaro segnale di svolta.

Questa Amministrazione sta infatti avviando, nonostante le preventivabili difficoltà, una serie di iniziative volte a portare fuori dal centro abitato i TIR.

Una scelta precisa, da noi condivisa negli obiettivi, mai avviata prima da alcun amministratore della nostra città.

Condividiamo, naturalmente, quanto ribadito dal Sindaco, anche durante l’ultima conferenza stampa, riguardo alla creazione della “Flotta Comunale” e all’individuazione di soluzioni definitive atte a garantire la continuità territoriale.

Temi fondamentali che sosteniamo da sempre.

Crediamo, con riferimento alle polemiche scaturite dall’emanazione delle ordinanze, che la Città debba cambiare atteggiamento e cominciare a remare, tutta, nella stessa direzione.

Non è possibile, infatti, che ancora oggi, in un momento di grande crisi sociale ed economica come quella che viviamo, ci si continui a dividere tra Guelfi e Ghibellini.

Non intendiamo dire, ovviamente, che le critiche non debbano nascere quando alcune posizioni non siano condivise. Intendiamo sottolineare, però, come questo non cambi le cose e come, viceversa, un atteggiamento costruttivo, fatto di proposte prima che di accuse, possa, invece, cambiare le sorti della nostra città.

L’occasione che sta vivendo la nostra città è quella di attuare una rivoluzione culturale, un nuovo modo di fare ed intendere la politica.

E’ per questo che abbiamo scelto di sostenere l’Amministrazione in maniera concreta mettendo il nostro lavoro ed il nostro impegno a disposizione della Città.

Per questi motivi speriamo che tutti i candidati a Sindaco, tutte le parti politiche che giornalmente si confrontano nell’interesse di Messina, comincino a dimostrare con i fatti che esiste un obiettivo comune e che solo per quello si deve lottare.

Il nostro è un invito ad individuare le ragioni che possano unire mettendo da parte, nell’interesse dei Messinesi, quelle che ci potrebbero separare.

 

 

Un modo altro di intendere l’impegno politico, o meglio, il vero modo di intendere la politica, facendo della Città l’obiettivo comune, rinunciando ad un approccio classico che divide chi ha vinto da chi ha perso, maggioranza da opposizione.

Esistono in Consiglio Comunale, in Giunta, nei Consigli di Quartiere ed in tutta la Città persone perbene e di grande qualità che siamo certi accoglieranno il nostro appello all’unità degli intenti.

E’ ora di dimostrare chi ha davvero a cuore le sorti della Città e chi, invece, continua a recitare un copione noto e obsoleto il cui finale è conosciuto da noi tutti ed è proprio quello che vede la città al punto in cui è.

Tra l’altro, immaginarsi che chi governa da meno di quattro mesi sia responsabile di tutto questo è intellettualmente scorretto oltre che falso.

Che la polemica divenga quindi confronto costruttivo e che le strategie di parte vengano definitivamente messe da parte: abbiamo una grande opportunità!

Sfruttiamola!

reset! c’è.

Messina, 2 Novembre 2013

Il Presidente

Davide Savasta