Messina: il reggino Tonino Perna nuovo Assessore alla Cultura scelto dal Sindaco Accorinti

accorinti_pernaE’ il reggino Tonino Perna, 66 anni, docente universitario, il nuovo Assessore alla Cultura del Comune di Messina: la scelta del Sindaco Accorinti è stata ufficializzata nelle ultime ore. Perna negli anni era già stato candidato alla presidenza della provincia di Reggio Calabria, dopo aver guidato per molto tempo il Parco nazionale dell’Aspromonte, dove aveva “inventato” l’Eco-Aspromonte, la prima moneta ecologica complementare. L’idea originariamente era nata a Spezzano Sila, con una sorta di “moneta locale” i Buoni Scec distribuiti alle famiglie per fare la spesa. Un  esperimento che Perna ha seguito con interesse “Non si tratta di cartamoneta che va a sostituire quella ufficiale-spiegava- ma di uno strumento monetario complementare che funziona solo dentro un determinato territorio e può essere speso solo per particolari acquisti o determinate operazioni. Lo Scec (acronimo di “Solidarietà che cammina) è stato inventato a Napoli, ed è nato insieme al TalenTo (a Torino), al Tot (a Treviso) ed altre migliaia di monete locali in tutto il mondo. L’Eco- Aspromonte, è stata non solo la prima esperienza italiana di moneta locale, ma l’unica in cui la Zecca di Stato ha stampato le banconote aventi funzione di moneta locale”. Coniata dall’Istituto poligrafico e Zecca dello Stato e supportata dalla Banca popolare Etica di Padova era disponibile in quattro tagli da 1, 2, 5 e 10, di pari valore rispetto all’euro, che raffigurano rispettivamente un gufo, una quercia, un lupo e un rovo. Le monete sono state realizzate da artisti scelti tramite un concorso nazionale era pagabile a vista nei negozi convenzionati con il Parco.

perna_accorintiPerna è un docente di Sociologia economica alla facoltà di Scienze politiche dell’Università di Messina e di Istituzioni di economia alla facoltà di Architettura di Reggio Calabria. E’ stato anche presidente del Comitato etico della Banca popolare di Padova. Autore di diversi saggi sulle degenerazioni del capitalismo finanziario (“Mercanti, imprenditori e consumatori”è un libro in qualche modo “profetico” scritto nel 1984), sullo “Sviluppo sostenibile” (opera edita nel 1994) e sull’economia “etica” (“Fair Trade, la sfida etica al mercato mondiale” è del 1998), ha diretto per anni anche il Centro regionale d’intervento per la cooperazione, organizzazione non governativa operante in Bosnia, Albania, Medio Oriente, Eritrea e America Latina.