Messina: al via domani al Monte di Pietà “Il territorio oltre lo stretto” workshop di architettura

architettiDomani, alle 17, al Monte di Pietà, si apre la terza edizione del workshop di architettura dal titolo “Il Territorio oltre lo Stretto, Messina: il mare tra gli isolati”.

Interverranno il Presidente dell’Ordine degli Architetti, Arch. Giovanni Lazzari, il Presidente della Fondazione Architetti nel Mediterraneo,  Arch. Pino Falzea, l’assessore all’Urbanistica, Ing. Sergio De Cola e il Segretario Generale dell’Autorità Portuale, Ing. Francesco Di Sarcina, i quali illustreranno e dibatteranno sui temi oggetto dei lavori.

Il workshop, che si svolgerà, dal 4 all’8 novembre, presso la sede dell’Ordine degli Architetti P.P.C. di Messina, affronterà il tema del progetto del fronte a mare della città di Messina, proprio in considerazione dell’intimo rapporto che, da sempre, lega la Città al mare ed al paesaggio dello “Stretto”. Nello specifico il laboratorio ha il compito di ipotizzare una possibile ridefinizione progettuale del tratto di costa compreso tra il Porto ed il Torrente Annunziata, quell’ambito urbano, quindi, sospeso tra la rigida maglia cittadina e la componente naturale e paesaggistica costituita dalla linea di costa, nella convinzione che al rapporto tra l’impianto urbano e il disegno della geografia sia demandato il mantenimento di una memoria collettiva distrutta dal terremoto.

Il Laboratorio sarà animato, dal 4 al 6 novembre, dalla presenza di progettisti e docenti universitari che, a partire dalle proprie ricerche scientifiche daranno vita a dialoghi a due sulle tematiche urbane affrontate dal workshop.

A conclusione dei lavori, il 9 novembre, nuovamente al Monte di Pietà, i gruppi presenteranno gli esiti del laboratorio, alla presenza delle autorità cittadine e di visiting critics chiamati a commentare i progetti elaborati.

Il workshop fa parte di un programma di formazione Post-Laurea per neolaureati promosso dall’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Messina con la Fondazione Architetti nel Mediterraneo in convenzione con l’Associazione culturale Grafite e l’I2a – Istituto Internazionale di Architettura di Vico Morcote, Svizzera.

Il programma ha come obiettivo generale quello di costruire circuiti virtuosi tra il mondo professionale e quello della ricerca in architettura, a partire dalla formazione scientifica dei giovani professionisti, nonché la necessità, ormai ovvia nella contemporaneità, di istituire una dinamica rete professionale e culturale di respiro internazionale.

L’obiettivo specifico è quindi quello di offrire ai neolaureati l’opportunità di affrontare percorsi scientifico-professionali utili a migliorare le proprie conoscenze ed acquisire esperienze specifiche di altre realtà culturali, attraverso la comparazione tra temi di ricerca analoghi, ma applicati ad aree geografiche differenti.

Un primo workshop si è già tenuto presso l’i2a, a Vico Morcote; l’associazione culturale Grafite con il predetto Istituto hanno la responsabilità dello svolgimento dell’intero programma di ricerca.

Ai lavori parteciperanno quattro gruppi di progettisti guidati da: Alessandro Martinelli (i2a), Luca Belatti (IPOSTUDIO_Firenze), Daria Caruso, Rosario Andrea Cristelli, Francesco Fragale, Francesco Messina, Giuseppe Messina (BODAR_Bottega d’architettura_Messina_Barcellona P.G.) e Fabrizio Ciappina, Giuseppe Fugazzotto, Antonello Russo, Gaetano Scarcella (Moduloquattro_Messina).

Parteciperanno come visiting critics: Eleonora Burlando (Neostudio_Genova), Marcello Marchesini (MDU_Prato), Marina Tornatora (Forma(a)+b_Reggio Calabria).