Mafia, pentito Giuffrè: “Ci adoperammo per Forza Italia”

images“In Cosa nostra ci adoperammo tutti per dare una mano a Forza Italia, la forza politica che allora stava nascendo”. Lo ha dichiarato, deponendo al processo sulla trattativa Stato-mafia, il pentito Nino Giuffrè, aggiungendo che Provenzano avrebbe detto con Fi “siamo in buone mani”. Il collaboratore di giustizia ha indicato nell’ex senatore Marcello Dell’Utri il tramite tra la mafia e Silvio Berlusconi. “Dell’Utri – ha aggiunto – era in contatto con Brancaccio e coi fratelli Graviano”.