Il Premier Letta ottimista: ‘Ci sono segnali di ripresa’

Datagate: iniziata audizione Letta al Copasir“Tra il 17 e il 20 aprile la democrazia ha sbandato, io ricordo ora per ora i giorni vissuti in simbiosi con Pier Luigi Bersani. E ogni volta che qualcuno ce l’ha con me perché faccio troppo poco invito a leggere questo libro. Vi rendete conto in che caos eravamo?”. Così il premier Enrico Letta, ricordando durante la presentazione di ‘Giorni bugiardi’, i giorni della mancata elezione del presidente della Repubblica. Il Paese è ancora “in una difficoltà istituzionale e politica” esattamente come quando sei mesi fa lo stallo rese impossibile l’elezione del presidente della Repubblica, ha spiegato Letta.

“Bersani si è immolato dimostrando che ogni altra ipotesi di governo non era percorribile”. Enrico Letta, intervenendo alla presentazione del libro ‘Giorni bugiardi’ ripercorre il tentativo dell’ex segretario del Pd di formare il governo con i 5 Stelle: “questo governo esiste – ha aggiunto – perchè c’è stato quel tentativo di Bersani, altrimenti popolo ed elettori del Pd non avrebbero mai sostenuto il governo”.

Poi ancora: “Io sono forse quello che ha vissuto in modo più traumatico il dato elettorale visto che quel giorno ero in tv. Dopo una iniziale incredulità arrivò la doccia fredda di capire che cosa era successo nel Paese. Noi non capimmo ma non siamo stati solo noi”.

Nel pomeriggio audizione del premier Letta al Copasir, dedicata in larga parte al Datagate. L’intelligence italiana “funziona a pieno ritmo e garantisce la sicurezza dei cittadini”: ha detto il presidente del Consiglio al Copasir, secondo quanto riferito dal alcuni membri del Comitato. “Letta ha sottolineato che non c’è stata alcuna violazione della privacy né dei cittadini né dei membri del governo”: così il presidente del Copasir, Giacomo Stucchi, al termine dell’audizione del presidente del Consiglio.

Nel 2008 i servizi segreti inglesi chiesero ai colleghi italiani se volevano partecipare al massiccio programma di intercettazioni che poi si sarebbe chiamato ‘Tempora’, ricevendo un rifiuto. Lo ha comunicato al Copasir il premier Enrico Letta, secondo quanto riferito da Claudio Fava (Sel).

In mattinata Enrico Letta, in visita al Coni, aveva parlato della ripresa: “nel 2014 la ripresa è a portata di mano: ci sono segnali che possono consentirci di invertire la tendenza”, ha detto. ”Anche se i dati ancora non si vedono – ha proseguito il premier – ma sulla fiducia possiamo ripartire”. “La ripresa nel prossimo anno è alla nostra portata anche se i dati ancora non si vedono perché la disoccupazione è cresciuta – ha spiegato il premier -, ma il segnale dei dati sulla ripresa ci possono far invertite la tendenza”. Il presidente del Consiglio, parlando del mondo dello sport, ha sottolineato che “il segnale di fiducia è fondamentale, attorno al vostro mondo gira la possibilità di far ripartire questa fiducia”.