Capo d’Orlando (ME): scoperto rapinatore, arrestato 32enne

IRRERA LUCIANOIeri pomeriggio i Carabinieri della Stazione di Capo d’Orlando hanno tratto in arresto, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Patti, su richiesta della Procura della Repubblica, Luciano IRRERA, 32 enne messinese, già noto alle Forze dell’Ordine, perché accusato di rapina aggravata commessa lo scorso 8 ottobre presso  l’istituto di credito Banca Popolare di Ragusa di Capo d’Orlando.

I Carabinieri, infatti, a seguito di una  serrata attività investigativa, sono riusciti ad individuare l’autore.

L’ 8 ottobre scorso, giungeva alla Centrale Operativa una chiamata da parte del direttore dell’istituto di credito in quanto era stata appena compiuta una rapina. Subito diverse pattuglie dell’Arma locale si portavano sul posto ma il malvivente si era già dato alla fuga.

Dal racconto dell’accaduto da parte del direttore e degli impiegati di banca, dei clienti al momento presenti all’interno dell’istituto e dalla visione delle immagini estrapolate dal sistema di videosorveglianza a circuito chiuso, i Carabinieri hanno ricostruito cosa è avvenuto. In particolare, un uomo con accento siciliano, alto con il naso sporgente, non travisato e sotto la minaccia di un taglierino, faceva irruzione nella banca. Lo stesso si faceva consegnare 10.000 Euro e dopodiché si dava alla fuga dileguandosi a piedi per le vie circostanti.

I militari della Stazione di Capo d’Orlando, in occasione del sopralluogo, estrapolavano quindi il fermo immagine del video che aveva ripreso Banca popolare di Ragusatutti i momenti della rapina. Proprio queste ultime hanno permesso di incastrare Luciano IRRERA. Dagli accertamenti effettuati, mettendo a raffronto le immagini estrapolate della banca con diverse foto di pregiudicati della provincia, i Carabinieri hanno constatato la corrispondenza e la compatibilità dei due volti.

Ieri, pertanto, i Carabinieri, dopo che il Tribunale di Patti aveva emesso la sentenza su richiesta della locale Procura che aveva concordato le risultanze investigative, hanno fatto irruzione nell’abitazione di IRRERA nel Rione Torre Vittoria e tratto in arresto il pregiudicato conducendolo poi presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi in attesa dell’interrogatorio di garanzia.