Barcellona Pozzo di Gotto (Me), un nuovo collaboratore di giustizia in ambito mafioso

++ EMENDAMENTO SEVERINO, RESPONSABILITA' TOGHE INDIRETTA ++Si tratta di Salvatore Artino, figlio di Ignazio, ucciso nel 2011. E’ il nuovo collaboratore di giustizia che può rivelare verità importanti riguardo l’ambito mafioso di Barcellona Pozzo di Gotto (Me). La notizia è emersa oggi durante il processo d’appello per l’operazione antimafia “Vivaio”, che si sta svolgendo a Messina. L’accusa ha chiesto la riapertura del caso proprio per ascoltare il nuovo pentito. Pare che Artino sia a conoscenza di vicende riguardanti la discarica di Mazzarrà Sant’Andrea e l’omicidio di Antonino Rottino, assassinato proprio lì nel 2006. I verbali delle sue dichiarazioni sono ora nelle mani della Corte d’Assise d’appello che deve decidere se ammetterli o meno. Nel corso degli ultimi anni altri pentiti sono stati Carmelo Bisognano, Santi Gullo, Salvatore Campisi.