“Araba Fenice”, Confindustria Reggio Calabria: «Tutelata l’economia sana della città»

imagesSui risultati dell’operazione di polizia giudiziaria ribattezzata “Araba fenice” interviene il presidente di Confindustria Reggio Calabria, Andrea Cuzzocrea, che plaude al lavoro delle forze dell’ordine e della magistratura.
«Condivido pienamente – afferma Cuzzocrea – le parole pronunciate dal procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti, il quale ha affermato che “occorre lo sforzo di tutte le articolazioni dello Stato” affinché si scardini definitivamente il legame tra la ‘ndrangheta, da un lato, e parti della società e del tessuto produttivo, dall’altro. L’attività d’indagine che si è appena conclusa testimonia come il malaffare abbia ormai raggiunto una capacità di penetrazione che consente, di fatto, il controllo di ampi settori della vita socioeconomica. E tutto questo finisce per ripercuotersi sulla parte sana, di gran lunga preponderante, del tessuto produttivo locale. L’economia inquinata dalla ‘ndrangheta, e lo abbiamo detto chiaramente nella nostra Assemblea annuale alla presenza del procuratore Cafiero de Raho, uccide l’imprenditoria onesta, che si accolla i rischi, combatte con le banche e risponde solo alla logica del mercato in una realtà difficile, povera e marginale come la nostra. Soprattutto – aggiunge Cuzzocrea – non possiamo sperare di uscire dalla crisi o di creare occupazione e sviluppo se non riusciremo a spezzare il giogo delle forze criminali e dell’illegalità che soffoca le aziende pulite. Queste ultime devono essere messe nelle condizioni di lavorare in un
mercato governato dalla trasparenza, dal rispetto delle regole e dalla tutela dell’ordine pubblico, che sta tornando a rappresentare una vera e propria emergenza a Reggio. Non vorremmo che i recenti e inquietanti atti intimidatori che, in rapida sequenza, si sono verificati a Reggio, costituissero l’avvio di una fase basata su una nuova, destabilizzante strategia della tensione. In questo scenario, la rafforzata presenza dello Stato ci rassicura e ci induce ad andare avanti con fiducia».