Tragedia Lampedusa, la dichiarazione del presidente della Provincia di Cosenza Mario Oliverio

mario-oliverioL’immane tragedia che ha colpito centinaia di migranti nel mare antistante l’isola di Lampedusa deve scuotere le coscienze di tutti ed impegnare le Istituzioni dell’Europa e dell’Italia affinché cambino le politiche di controllo dell’immigrazione clandestina e di contrasto ai traffici criminali a questa connessi e si possa mettere in campo un nuovo e più efficace approccio alla cooperazione, all’accoglienza e alla solidarietà, ispirato ai valori civili ed umani di cui la cultura italiana ed europea devono essere portatori.
In questo senso, i bambini, le donne, gli uomini annegati nelle acque del nostro mare chiamano noi tutti e la comunità internazionale ad un impegno non più rinviabile, necessario, ineludibile. Parta dai cittadini, dalle associazioni e dalle Istituzioni delle regioni meridionali – da anni in prima linea di fronte ai grandi fenomeni migratori che attraversano il Mediterraneo – un’iniziativa forte perché il Governo ed il Parlamento cambino quelle norme che impediscono una politica dell’accoglienza umana, solidale, civile, degna della migliore tradizione dell’Italia e degli italiani. Nel contempo, l’Unione Europea muti  profondamente il suo atteggiamento, sostenga gli Stati membri e le comunità locali più esposti e si attivi per risolvere le gravi e complesse problematiche che si accompagnano ai fenomeni migratori.
Si possa aprire, con il contributo di tutti, una nuova stagione di cooperazione e di pace nel Mediterraneo.